Vai al contenuto

18 luglio 1610: muore Caravaggio

Era un 18 luglio come oggi ma del 1610 quando Caravaggio morì a Porto Ercole a 39 anni. Arrivato lì dopo una difficile traversata in nave, chiuse gli occhi per l’ultima volta, dimenticato da tutti.

Michelangelo Merisi da Caravaggio nacque a Milano nel 1571 e chi l’avrebbe mai detto che quel piccolo fagottino appena venuto al monto avrebbe stravolto il modo di dipingere fino ad allora conosciuto. Imparò l’arte della pittura a bottega da Simone Peterzano e a vent’anni arrivò a Roma per lavorare prima con Siciliano e poi il Cavalier d’Arpino.

Fra le prime opere realizzate dal Caravaggio fa la sua comparsa il celebre Bacchino Malato che oggi può essere ammirato nella Galleria Borghese. Si pensa sia un autoritratto dell’artista realizzato attorno al 1591, quando la malaria lo fece tribolare assai.

Dalle stalle alle stelle: la sua vita è un altalenarsi di momenti meravigliosi ad altri tremendi. Dalla gloria data dalla sua incredibile maniera di dipingere fino alle fughe disperate.

Per realizzare le sue opere Caravaggio sceglie gente di strada e questo gli porterà non poche noie soprattutto quando a vestire i panni della Vergine è una meretrice. A Roma era solito brazzicare le taverne e le osterie delle zone meno tranquille della città. Lì trovava i suoi personaggi da immortale sulle sue straordinarie tele.

Il dipinto che diede una radicale svolta alla sua vita vita fu I Bari del 1595. Il cardinale del Monte lo accolse sotto la sua protezione e grazie a lui ebbe commissioni importantissime per le diverse istituzioni religiose.

Una vita complicatissima quella di Caravaggio, dai contrasti forti come quelli che si ritrovano nelle sue opere. Nel giorno della sua scomparsa non avrei potuto non ricordarlo visto il suo amore che aveva nei confronti dei miei lavori.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti per il momento vi saluta. A proposito, se oltre a guardare questi documentari su Caravaggio volete avere anche un valido supporto cartaceo, vi propongo il libro che vedete nella foto a seguire. Lo potete trovare QUA.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

€5,00

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: