Vai al contenuto

La storia della Torre di Pisa

La Torre di Pisa è una delle costruzioni architettoniche italiane più celebri nel mondo. La sua popolarità è dovuta non solo alla magnificenza ma anche alla sua pendenza che per secoli ha fatto temere il peggio a esperti e profani.

La costruzione fu avviata il 9 agosto del 1173 con la posa della prima pietra ma fu terminata solo nel 1350 dopo non pochi problemi che si verificarono già quando si arrivò alla realizzazione del terzo piano. Fu allora che i lavori vennero sospesi: la torre, con le fondamenta posate su un terreno sabbioso e argilloso, iniziò a inclinarsi.

Annunci

Dopo quasi cent’anni di vicende politiche travagliate, si riprese a costruire la torre ma scegliendo di inclinare i piani nel senso opposto della pendenza che aveva assunto il campanile. Se guardate bene la Torre di Pisa, questo stratagemma lo potrete notare facilmente.

Immaginatevi cosa voleva dire a quel tempo realizzare un’opera così grande e importante in marmo bianco di Carrara. Era certamente una sfida di grande portata tenendo in considerazione i mezzi dell’epoca.

Annunci

56 metri d’altezza suddivisi in otto piani: questo è il campanile della cattedrale di Santa Maria Assunta, terminato di realizzare nel 1350. 14.523 tonnellate di peso che nel Novecento hanno fatto stare tutti con il fiato sospeso. La Torre pendeva sempre di più ed era necessario ricorrere ai ripari in fretta per evitare di vederla crollare.

Nel 1908 fu istituita una commissione per lo studio delle condizioni della Torre di Pisa dal Ministero della Pubblica Istruzione. Nel 1935 si optò per effettuare delle iniezioni di cemento attraverso 391 fori, un progetto di Girometti. L’effetto fu devastante e la Torre si inclinò ancora di più.

Annunci

Negli anni a seguire si effettuarono altri interventi provvisori nella speranza di fermare perlomeno l’inclinarsi continuo della Torre ma nel 1993 la pendenza era arrivata a 4,5 gradi.

Attualmente, mediante un sistema di contrappesi e grazie a una sotto escavazione effettuata fra il 1999 e il 2001 la Torre si è stabilizzata e addirittura, ha recuperato parte dell’inclinazione tornando indietro a 4°.

Oggi è consentito raggiungere la cella campanaria della Torre di Pisa… basta pagare il biglietto e avere un po’ di fiato e gambe buone per salire le tre rampe di scale a chiocciola.

Annunci

Nel documentario che vi propongo a seguire, vengono illustrati tutti i passaggi che hanno portato alla realizzazione del sistema di contrappesi che oggi sembra funzionare e che ha stabilizzato finalmente la Torre di Pisa. Guardatelo perché è parecchio interessante.

Prima di salutarvi però e lasciarvi alla visione dell’interessante documentario, vi propongo una lettura sul tema dal titolo “Senza neanche toccarla. La stabilizzazione della Torre di Pisa” a cura di Carlo Viggiani. In questo volume l’autore mostra tutti i passaggi che si sono susseguiti e che hanno permesso di stabilizzare nel corso degli anni la posizione della Torre di Pisa. Lo trovate QUA.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

The history of the Leaning Tower of Pisa

The Tower of Pisa is one of the most famous Italian architectural constructions in the world. Its popularity is due not only to its magnificence but also to its slope which for centuries has made experts and laymen fear the worst.

Construction began on 9 August 1173 with the laying of the first stone but was only finished in 1350 after not a few problems that occurred when the third floor was built. It was then that the works were suspended: the tower, with the foundations laid on a sandy and clayey ground, began to tilt.

After almost a hundred years of troubled political events, the tower resumed construction but choosing to tilt the floors in the opposite direction of the slope that the bell tower had assumed. If you look closely at the Leaning Tower of Pisa, you can easily notice this trick.

Imagine what it meant at that time to create such a large and important work in white Carrara marble. It was certainly a major challenge considering the means of the time.

56 meters high divided into eight floors: this is the bell tower of the Cathedral of Santa Maria Assunta, completed in 1350. 14,523 tons of weight that in the twentieth century made everyone stand with bated breath. The Tower hung more and more and it was necessary to resort to repairs quickly to avoid seeing it collapse.

In 1908 a commission for the study of the conditions of the Tower of Pisa was established by the Ministry of Education. In 1935 it was decided to make cement injections through 391 holes, a project by Girometti. The effect was devastating and the Tower tilted even more.

In the following years, other provisional interventions were carried out in the hope of at least stopping the continuous inclination of the Tower but in 1993 the slope had reached 4.5 degrees.

Currently, through a system of counterweights and thanks to an under-excavation carried out between 1999 and 2001, the Tower has stabilized and has even recovered part of the inclination going back to 4 °.

Today it is allowed to reach the belfry of the Tower of Pisa … just pay the ticket and have a little breath and good legs to climb the three flights of spiral staircases.

In the documentary you see below, all the steps that led to the creation of the counterweight system that today seems to work and that has finally stabilized the Tower of Pisa are illustrated. Watch it because it is very interesting.

Your always yours Michelangelo Buonarroti and his stories

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Il primo progetto per la facciata di San Lorenzo

🇮🇹Il disegno di cui vi parlo oggi oggi riguarda il primo progetto che presentai nel dicembre del 1516 a papa Leone X per la realizzazione della facciata della Basilica di San Lorenzo, tutt’oggi incompiuta
🇬🇧The drawing I am talking about today concerns the first project that I presented in December 1516 to Pope Leo X for the construction of the facade of the Basilica of San Lorenzo, which is still unfinished today.

La Bologna del Rinascimento: la mostra diffusa in città

🇮🇹A Bologna sta per arrivare dalla National Gallery di Londra il ritratto di Giulio II di Raffaello per la mostra “Giulio II e Raffaello. Una nuova stagione del Rinascimento a Bologna” e in città si apre la mostra diffusa in 9 tappe fondamentali
🇬🇧 The portrait of Julius II by Raphael is about to arrive in Bologna from the National Gallery in London for the exhibition “Julius II and Raphael. A new season of the Renaissance in Bologna” and the exhibition in 9 fundamental stages opens in the city

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

3 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: