Sono stato io a fare a pezzi la Pietà Bandini oppure no?

La Pietà Bandini ha una lunga storia alle spalle nella quale non mancano colpi di testa miei, leggende e dubbi. Il Cristo mentre lo scolpivo perse letteralmente una gamba a causa di una venatura di silicio nascosta nel marmo. Per questo motivo o probabilmente perché ero insoddisfatto del risultato che stavo ottenendo, presi a martellate la scultura facendola a pezzi.

Un mio allievo raccolse tutti i frammenti e vendette l’opera a un signore romano che provvedette a farla acconciare. Io ebbi una sorta di ripensamento tardivo e mi preoccupai di fornire qualche consiglio al restauratore per rimetterla un po’ in sesto.

Tutt’oggi i segni delle fratture sono ben evidenti sia nel braccio sinistro che nel resto del corpo di Cristo. La Vergine Maria ha una mano danneggiata e manca la gamba sinistra del corpo del salvatore che sta scivolando verso il basso.

L’8 giugno del 2005 uscì sul Corriere della sera un articolo che metteva in discussione proprio il fatto che fossi stato io a prendere a martellate la Pietà Bandini. Mentre il Vasari nelle Vite racconta che una notte afferrai un martello e, con tutta la forza che avevo, colpii ripetutamente la mia creazione, lo storico dell’arte Jack Wassermann della Università di Philadelphia pare abbia la certezza che le cose non andarono proprio in quel modo.

In una conferenza tenuta a Firenze, sempre nel 2005, dichiarò che io volevo modificare la scultura ma che mai avessi pensato di distruggerla poiché era all’epoca era proibito farlo per legge. Wasserman sostiene che nel periodo in cui avvenne il misfatto, danneggiare le opere sacre fosse considerato un grande sacrilegio che veniva puntualmente punito con la morte.

Anni prima Antonio Rinaldeschi fu impiccato per aver insudiciato con escrementi equini una Madonna con Bambino e Torrigiani fu fatto morire di fame in un carcere spagnolo per aver danneggiato un’altra opera.

Qual’è dunque la tesi di Wassermann in merito alle fratture presenti sulla Pietà Bandini? Secondo lui avrei condotto in maniera programmata la distruzione degli arti per eliminare alcune parti con l’intenzione di rifarle in un secondo momento.

A me questa tesi pare assai arbitraria e del tutto infondata. L’insudiciamento di una Madonna ha poco a che fare con la distruzione di un’opera peraltro creata da me. Era proibito distruggere opere d’arte sacra? Quante ne avrà fatte bruciare il Savonarola nei suoi immensi roghi delle vanità anni prima? Mi risulta che sia finito anche lui sul rogo e non certo perché aveva fatto distruggere un elevatissimo numero di capolavori purtroppo perduti per sempre.

Poi che assurdità….distruggere a martellate parte dell’opera a martellate per rifarla applicando perni. In quale altra occasione avrei fatto una cosa del genere? Bah..per me la scultura è sempre stata quella che si può ricavare da un blocco unico, mai pensato di fare aggiunte bislacche e improbabili.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi ragionamenti…a volte mi chiedo come possano venire certe idee poco probabili agli studiosi.

817ba0e90f4715d019a164c2efd68585

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...