La scimmietta dello Schiavo Morente

Lo Schiavo Morente è una delle opere più sensuali che scolpii. Avrebbe dovuto essere inserita nel primo progetto della tomba di Giulio II, ubicata fra due nicchie. Questo appellativo di “morente” è cosa non troppo remota. Gli fu affibbiato da Hans Grimm nella seconda metà dell’Ottocento sulla base dell’abbandono della figura che tanto gli ricordava l’iconografia del San Sebastiano.

Le interpretazioni che sono state date nel corso dei secoli a questo Prigione sono innumerevoli. Se il Condivi vede tutti gli Schiavi come le arti mortificate dalla dipartita del pontefice, il Vasari li interpreta come le provincie soggiogate.

La chiave di volta per la lettura di questo Schiavo è proprio la scimmietta che gli scolpii a supporto della gamba sinistra. L’avevate mai vista? Spesso passa inosservata eppure non è un dettaglio di poco conto. Il babbuino, secondo l’antica fonte degli Hieroglyphica di Horapollo, alluderebbe alla sapienza letteraria. Aguzzate la vista: l’animale stringe in mano probabilmente una pergamena arrotolata…un caso? Non direi.

Lo Schiavo Morente in compagnia del babbuino erudito può essere considerato uno dei saperi umanistici addolorato e sconsolato dalla scomparsa di papa Giulio II. Ovviamente questa è una delle tante interpretazioni che hanno dato i miei posteri e io non lasciai indicazioni in merito n eredità se non la scultura stessa.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti

schiavo-morente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...