Vai al contenuto
Annunci

Incontentabili

Durante tutta la mia vita ho lavorato sodo e ho guadagnato una fortuna. Di danari ne ho trattenuti ben pochi: preferivo spenderli per comprare poderi da regalare al mi’ babbo e ai miei fratelli. Nonostante ciò parevano essere incontentabili. Mi chiedevano sempre di più e di più gli davo cercando di scoprire fino a che punto avrebbero osato domandare per altri soldi.

Mi ricordo che una volta andai a trovare il mi’ babbo a casa sua a Settignano e non lo trovai. Non feci in tempo a far ritorno a Firenze che già in giro si mormorava che lo avevo cacciato di casa. Ma quando mai? 

Vi riporto la lettera che gli scrissi in quel frangente per farvi rendere conto con chi avevo a che fare.

 

Firenze, Addì 30 Novembre 1521

 

 

Charissimo padre,

io mi maravigliai molto de’ chasi vostri, l’altro dì, quand’io non vi trovai in chasa, e adesso, sentendo che voi vi dolete di me e dite che io v’ò chacciato via, mi maraviglio più assai, perché io so certo che mai, dal dì che io naqui per insino adesso, fu nell’animo mio di far chosa, né pichola né grande, che fussi chontra di voi, e sempre, tucte le fatiche che io ò soportate, l’ò soportate per vostro amore, e poi che io sono tornato da Roma in Firenze, sapete che io l’ò sempre presa per voi, e sapete che io v’ò rafermo ciò che io ò; e non è però molti dì, quande voi avevi male, che io vi dissi e promessi di non vi manchar mai chon tucte le mia forze, i’ mentre che io vivo, e chosì vi rafermo.

Ora, mi maraviglio che voi abiate sì presto dimentichato ogni cosa. Voi m’avete pure sperimentato già trenta anni, voi e ‘ vostri figl[i]uoli, e sapete che io ò ssempre pensato e factovi, quand’io ò potucto, del bene.

Chome andate voi dicendo che io v’ò chacciato via? Non vedete voi fama che voi mi date, che e’ si dicha che io v’ò chacciato via? Non mi mancha altro, oltra gli afanni che io ò dell’altre chose! e ctucti gli ò per vostro amore. Voi me ne rendete buon merito!

Ora, sia la chosa chome si vuole, io voglio darmi ad intendere d’avervi chacciato e d’avervi facto sempre vergognia e danno; e chosì, chome se io l’avessi facto, io vi chieggo perdonanza.

Fate chonto di perdonare a un vostro figl[i]uolo che sia sempre vissuto male e che v’abi facti tucti e’ mali che si possono fare in questo mondo. E chosì, di nuovo vi prego che voi mi perdoniate, chome a un tristo che io sono, e non vogliate darmi chostassù questa fama che io v’abbi chacciato via, perché la m’importa più che voi non credete. Io son pur vostro figl[i]uolo!

L’aportatore di questa sarà Rafaello da Gagliano. Io vi prego, per l’amore di Dio e non per mio, che voi vegniate insino a Firenze, perché ò andar via, e òvi a dire chosa che importa assai e non posso venire chostassù. E perché io ò inteso, di Pietro che sta mecho, per le sua parole propie, certe chose che non mi piacciono, io lo mando stamani a Pistoia e non tornerà più dove me, perché io non voglio che e’ sia la rovina di chasa nostra.

E voi tucti, che sapevi che io non sapevo e’ sua portamenti, dovevi più tempo fa avisarmi, e non sarebe nato tanto schandolo.

Io son solleccitato d’andar via, e non son per partirmi se io non vi parlo e non vi lascio qui in cha[sa]. Io vi prego che voi lasiate andar tucte le passione e che voi vegniate.

Vostro Michelagniolo in Firenze. A Lodovicho a sSectigniano.

 

thumb400x400

 

Il vostro Michelangelo Buonarroti, combattivo contro i prepotenti

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: