Vai al contenuto
Annunci

Come fossero opera di un altro

Mi siedo sulle sponde dell’Arno e rileggo i miei versi quasi come se li avesse scritti qualcun’altro.

78

 

Dal dolce pianto al doloroso riso,

 da una etterna a una corta pace

caduto son: là dove ‘l ver si tace,

soprasta ‘l senso a quel da lui diviso.

    Né so se dal mie core o dal tuo viso

la colpa vien del mal, che men dispiace

quante più cresce, o dall’ardente face

de gli occhi tuo rubati al paradiso.

    La tuo beltà non è cosa mortale,

ma fatta su dal ciel fra noi divina;

ond’io perdendo ardendo mi conforto,

    c’appresso a te non esser posso tale.

    Se l’arme il ciel del mie morir destina,

chi può, s’i’ muoio, dir c’abbiate il torto?

216_217-b

 

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: