Vai al contenuto

Virginia Woolf e Bloomsbury, inventing life: ecco la recensione del libro

Da una manciata di giorni ho avuto fra le mani un libro che mi ha piacevolmente sorpreso: Virgina Woolf e Bloomsbury. Inventing life. E’ il catalogo dell’omonima mostra in corso al Museo Nazionale Romano di Palazzo Altemps, strutturato come un diario.

Tutto ha inizio con Virginia Woolf, al secolo Adeline Virginia Stephens, la celeberrima scrittrice inglese che apre la strada al modernismo. Alla morte del padre, lei e gli altri tre fratelli si trasferiscono nel quartiere di Bloomsbury. Era l’autunno del 1904 e quella zona poco attraente di Londra, povera e pure malfamata divenne il centro del loro mondo.

Quella casa al numero 46 di Gordon Square ben presto divenne un crogiuolo di talenti e idee.

Annunci

Immaginate cosa potesse significare nei primissimi anni del Novecento quella situazione. La scelta di andare ad abitare assieme in una situazione promiscua in cui coabitavano ragazzi e ragazze non fu certo vista di buon occhio in una Londra che si affacciava al nuovo secolo, irrigidita negli schemi borghesi. Furono soprattutto i parenti a disapprovare a gran voce quella scelta ma niente poterono se non rassegnarsi.

Tutto sembrava nuovo e diverso dalla vita condotta fino al momento dai fratelli Stephens. Antimperialisti e antimilitaristi, iniziarono ad accogliere fra le quattro mura un gran numero di amici e a confrontarsi su temi artistici, letterari e filosofici.

Ciascuno metteva a frutto la propria creatività condividendola con gli altri. C’è chi aveva predilezioni artistiche e chi sperimentava nuove esperienze lavorative mai nemmeno pensate fino al momento.

Annunci

Il libro Virgina Woolf e Bloomsbury. Inventing life, edito da Electa Editrice, è una sorta di diario che affonda le mani nei primi anni del Novecento e in quel fervore culturale che infiammò i giovani ragazzi e contaminò quelli che vollero seguire le loro orme.

Bloomsbury fu una delle esperienze culturali più importanti e innovative di tutto il Novecento. Lì si sperimentarono forme nuove di vivere e pensare in barba ai principi vittoriani che fino a quel momento imperavano e non solo in Inghilterra.

Annunci

Fra le pagine di questo appassionante volume si ritrova l’intensità dei celebri incontri del giovedì sera, organizzati da Thoby, fratello di Virginia Woolf che invitava a casa gli amici conosciuti a Cambridge. In quelle serate si discuteva di letteratura e filosofia mentre il Venerdì, nella casa di fronte si parlava di arte.

Thoby poi passò a miglior vita non molto tempo dopo a soli 26 anni, dopo aver contratto in Grecia il tifo ma la sua presenza non mancò mai nelle discussioni di quelle serate che pareva non avessero fine.

Annunci

Talvolta penso alla morte come il punto d’arrivo di un viaggio che ho intrapreso quando lui è morto. Come se arrivando, gli dicessi: bene, eccoti qua.

Così scrive virginia Woolf nel suo diario ricordando il fratello Thoby

A quel gruppo si uniranno anche il critico d’arte e artista Roger Fry, l’economista John Maynard Keynes e i romanzieri Edward Morgan Foster e David Garett, tanto per citare alcuni dei personaggi che gravitavano attorno a Bloomsbury.

Con le influenze filosofiche di Whitehead e Bertrand Russell, quel gruppo disquisiva di concetti come la verità, il bene, la bellezza mettendo spesso in discussione la morale della propria epoca. Insomma, nel giro di poco tempo Bloomsbury divenne il punto focale degli spiriti liberi di tutta l’elite intellettuale londinese a cui le norme sociali bigotte stavano troppo strette.

Annunci

Virgina Woolf e Bloomsbury. Inventing life è un intenso viaggio in quegli anni ed è difficile non lasciarsi coinvolgere e trasportare in quell’epoca, molto più moderna di quanto spesso ci immaginiamo.

Fra stralci di lettere, pensieri annotati su brogliacci, dipinti, locandine e tante idee nuove si ritrovano i personaggi che hanno frequentato Bloomsbury, alcuni assai noti, altri semi sconosciuti.

Non perdete l’occasione di leggere questo appassionante libro per conoscere l’entusiasmo e le idee di chi ha frequentato Bloomsbury e ne ha diffuso le idee che lì venivano condivise. E’ una storia affascinante quella che riguarda quel gruppo di giovani talenti che non conoscevo e mi ha coinvolto fino alla midolla.

Il libro Virgina Woolf e Bloomsbury. Inventing life edito da Electa Editrice e a cura di Nadia Fusini e Luca Scarlini, lo potete acquistare direttamente QUA.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

@michelangeloetornato

Virginia Wolf e Bloomsbury, inventing life. Il catalogo Electa della mostra in corso a Roma #michelangelobuonarrotietornato #libri #electa #mostre #art

♬ suono originale – Michelangelo è tornato

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • Il cartone dell’Epifania in restauro al British Museum

    Il cartone dell’Epifania in restauro al British Museum

    🇮🇹Al British Museum sono in corso i lavori di restauro del mio cartone dell’Epifania, uno dei pochissimi arrivati indenni o quasi fino ai vostri giorni. Sarà un restauro abbastanza complesso e impegnativo che proseguirà fino al maggio 2024… 🇬🇧At the British Museum, the restoration work is underway on my Epiphany cartoon, one of the very few that arrived undamaged or almost up to your day. It will be a fairly complex and demanding restoration that will continue until May 2024…

  • Le Opere del Natale: La Natività del Caravaggio

    Le Opere del Natale: La Natività del Caravaggio

    🇮🇹L’opera del Natale che vi propongo oggi è un dipinto trafugato nel 1969: la Natività con i Santi Lorenzo e Francesco d’Assisi del Caravaggio… 🇬🇧The work of Christmas that I propose today is a painting stolen in 1969: the Nativity with Saints Lorenzo and Francis of Assisi by Caravaggio…

  • 27 novembre 1598: nasce lo scultore Alessandro Algardi

    27 novembre 1598: nasce lo scultore Alessandro Algardi

    🇮🇹Il 27 novembre del 1598 venne alla luce lo scultore Alessandro Algardi in quel di Bologna. Si formò presso l’Accademia di Ludovico Caracci e… 🇬🇧On November 27, 1598, the sculptor Alessandro Algardi was born in Bologna. He trained at the Ludovico Caracci Academy and…

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: