Vai al contenuto

La casa che mi regalò il cardinale Leonardo a Macel de’ Corvi

Negli anni in cui ero intento ad affrescare la volta della Sistina, fra il 1508 e il 1512, avevo avuto la possibilità di ottenere in comodato d’uso un immobile in cui lavoravo e vivevo.

Quella casa lì però apparteneva al capitolo di San Pietro ma sapevo che non appena Giulio II fosse deceduto, non avrei più goduto di quel beneficio. L’abitazione infatti mi era stata concessa in virtù del servizio presso il pontefice.

Quando papa Giulio II venne a mancare nella notte fra il 20 e l’21 febbraio del 1513 persi di fatto il diritto di vivere in quella dimora e dovetti mettermi alla ricerca di una nuova sistemazione.

Le carrate di marmo che avevo fatto cavare a Carrara per la tomba di Giulio II ancora giacevano dinnanzi la Basilica di San Pietro e lì rimasero perlomeno fino all’elezione del nuovo papa: Leone X de’ Medici. Come faccio a ricordarmelo a distanza di secoli? Ebbene, lo scrissi qualche anno dopo, nel 1523, in una lettera destinata al Fattucci.

“…e decti marmi, che io avevo chondocti, stectono insino alla creatione di papa Leone in sulla Piazza di Santo Pietro”

Nella lettera che scrissi al Fattucci nel 1523.
Annunci

Fu il cardinale Leonardo a occuparsi della questione della nuova casa e viene citata nel terzo contratto della Tomba di Giulio II, stipulato nel 1516. Avrei potuto vivere nella dimora gratuitamente fino a quando non avessi terminato la sepoltura del pontefice oramai deceduto. Il periodo di utilizzo gratuito era iniziato già due anni prima, nel 1514, e sarebbe dovuto durare in totale nove anni.

“Poi, dopo detta morte di Iulio, Aginensis voles seguitare detta sepultura, ma magior cosa, ond’io condussi e’ marmi al Maciello de’ Corvi, et fece lavorare quella parte che è murata a Sant Pietro in Vincola et feci le fighure che ò in casa”

Lettera mia del 1542

La casa in cui mi trasferii era quella molto più grande ubicata in via Macel’ de Corvi. Aveva stanze molto ampie e alcune più piccole, un giardino con tanto di pozzo e altre pertinenze fra le quali una stalla. Al piano terra aveva spazi talmente ampi da poter accogliere blocchi di marmo di notevoli dimensioni.

Annunci

Mi diedi da fare parecchio per ottenere la proprietà di quella casa di Via Macel de’ Corvi senza dover sborsare troppi danari fino a quando, nel dicembre del 1517, il cardinale Leonardo non solo mi promise che avrei potuto avere regalata la casa ma a tomba ultimata, ma avrei avuto in dono anche in ufficio papale.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Annunci

The house that Cardinal Leonardo gave me in Macel de ‘Corvi

In the years in which I was intent on frescoing the Sistine vault, between 1508 and 1512, I had had the opportunity to obtain on loan for use a property where I worked and lived.

That house there, however, belonged to the chapter of San Pietro but I knew that as soon as Julius II died, I would no longer enjoy that benefit. In fact, the house was granted to me by virtue of my service with the pontiff.

When Pope Julius II passed away in the night between 20 and 21 February 1513, I actually lost the right to live in that house and had to look for a new accommodation.

The cartloads of marble that I had quarried in Carrara for the tomb of Julius II still lay in front of St. Peter’s Basilica and remained there at least until the election of the new pope: Leo X de ‘Medici. How can I remember this after centuries? Well, I wrote it a few years later, in 1523, in a letter addressed to Fattucci.

“… and these marbles that I had brought to Rome remained until the election of Pope Leo in Piazza di Santo Pietro”

In the letter I wrote to Fattucci in 1523.

It was Cardinal Leonardo who dealt with the question of the new house and it is mentioned in the third contract for the Tomb of Julius II, stipulated in 1516. I could have lived in the new home for free until I had finished the burial of the now deceased pontiff. The period of free use had already started two years earlier, in 1514, and was supposed to last a total of nine years.

“Then, after Giulio’s death, Aginensis wanted to continue working on his burial so I took the marbles to Macel de ‘Corvi and had that walled part worked in San Pietro in Vincoli, sculpting the figures I have in the house”

Letter of mine from 1542

The house where I moved was the much larger one located in via Macel ‘de Corvi. It had very large rooms and some smaller, a garden complete with a well and other appliances including a stable. On the ground floor it had spaces so large that it could accommodate large marble blocks.

I worked hard to get the ownership of that house in Via Macel de ‘Corvi without having to shell out too much money until, in December 1517, Cardinal Leonardo not only promised me that I could have given the house as a gift but once the tomb was completed. , but I would also have had as a gift in the papal office.

For the moment, your Michelangelo Buonarroti greets you by giving you an appointment at the next posts and on social networks.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • Il libro: Donatello in Toscana, itinerari

    Il libro: Donatello in Toscana, itinerari

    Donatello in Toscana. Itinerari è il nuovo libro a cura di Francesco Caglioti che propone le opere del grande Donatello presenti in venti diversi luoghi della Toscana…

  • 3 luglio: San Tommaso nel mondo dell’arte

    3 luglio: San Tommaso nel mondo dell’arte

    🇮🇹Il 3 luglio la chiesa cattolica ricorda San Tommaso, l’apostolo celebre per la sua incredulità narrata nel Vangelo di Giovanni… 🇬🇧On July 3, the Catholic Church remembers St. Thomas, the apostle famous for his incredulity narrated in the Gospel of John …

  • Francisco de Hollanda convinto d’essermi amico

    Francisco de Hollanda convinto d’essermi amico

    🇮🇹Non amavo teorizzare sull’arte e perdere tempo in giri di parole. Preferivo di gran lunga fare e dimostrare il mio pensiero attraverso il lavoro… 🇬🇧I did not like to theorize about art and waste time on words. I much preferred to do and demonstrate my thinking through work…

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: