Vai al contenuto

Quando il Varchi mi appellò “angioletto”

Ci fu un momento in cui addirittura Benedetto Varchi mi definì “angioletto.” Io che non ero certo noto per avere un carattere placido e remissivo, fui chiamato così da un amico di lunga data. Curiosa la faccenda, vero?

Vi racconto questa storia singolare dal principio.

Annunci

Accadde che dopo la mia morte, Cosimo I si preoccupò di organizzare delle esequie in grande stile senza badare a spese. Venne dunque messo in piedi un comitato che si facesse carico di tutta la macchina messa in piedi.

Cosimo I con una lettera, chiese a Benedetto Varchi di occuparsi di scrivere un discorso funebre adeguato per l’occasione. Il Varchi non se lo fece certo dire due volte e scrisse quasi un romanzo: 63 pagine di orazione funebre che lesse una dopo l’altra durante il funerale celebrato il 14 luglio del 1564, parecchi mesi dopo la mia morte.

Annunci

Nella prima parte della lunghissima orazione, il Varchi citò la Battaglia dei Centauri chiamandomi angioletto: “Le prime figure che lavorasse di marmo questo angioletto, mandato dal cielo in terra da Dio, fu la Zuffa dei Centauri”.

A parte il fatto di appellarmi angioletto, il Varchi pover’omo, prese un abbaglio grande come una casa.

Annunci

La Battaglia dei Centauri non fu la prima ma la terza opera in marmo a cui diedi forma nel Giardino di San Marco, ospitato da Lorenzo il Magnifico. Prima scolpii la Testa del Fauno, trafugata durante la Seconda Guerra Mondiale, poi la Madonna della Scala e infine la Battaglia dei Centauri, abbozzandola da sinistra verso destra, impugnando gli attrezzi del mestiere da mancino qual ero.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

When Varchi called me “little angel”

There was a moment when even Benedetto Varchi called me a “little angel.” I, who was certainly not known for having a placid and submissive nature, was named after a longtime friend. Curious about the matter, right?

I’ll tell you this singular story from the beginning.

It happened that after my death, Cosimo I took care of organizing funeral ceremonies in grand style, regardless of expense. A committee was therefore set up to take charge of the whole machine set up.

Cosimo I with a letter, asked Benedetto Varchi to take care of writing a funeral speech suitable for the occasion. Varchi certainly did not have it said twice and wrote almost a novel: 63 pages of funeral oration that he read one after the other during the funeral celebrated on July 14, 1564, several months after my death.

In the first part of the very long prayer, Varchi quoted the Battle of the Centaurs calling me little angel: “The first figures who worked in marble this little angel, sent from heaven to earth by God, was the Zuffa dei Centauri”.

Apart from appealing to me as a little angel, the poor man Varchi took a mistake as big as a house.

The Battle of the Centaurs was not the first but the third marble work to which I gave shape in the Garden of San Marco, hosted by Lorenzo the Magnificent. First I sculpted the Head of the Faun, stolen during the Second World War, then the Madonna della Scala and finally the Battle of the Centaurs, sketching it from left to right, holding the tools of the left-handed trade I was.

For the moment, your Michelangelo Buonarroti greets you by giving you an appointment at the next posts and on social networks.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • La Scultura del giorno: Amore e Psiche di Canova

    La Scultura del giorno: Amore e Psiche di Canova

    🇮🇹La scultura del giorno che vi propongo oggi è una delle più celebri di Antonio Canova: Amore e Psiche. Fu lo stesso artista a realizzarne due versioni, oggi appartenenti al Louvre e all’Ermitage di San Pietroburgo… 🇬🇧The sculpture of the day that I propose to you today is one of the most famous by Antonio Canova: Cupid and Psyche. It was the same artist who created two versions, now belonging to the Louvre and the Hermitage in St. Petersburg…

  • 31 gennaio 1504: il matrimonio di Agnolo Doni e Maddalena Strozzi

    31 gennaio 1504: il matrimonio di Agnolo Doni e Maddalena Strozzi

    🇮🇹Il 31 gennaio del 1504 fu celebrato a Firenze il matrimonio fra Agnolo Doni, appartenente a una ricca famiglia di mercanti di stoffe e Maddalena Strozzi, componente della famiglia di banchieri più importante della città, dopo i Medici… 🇬🇧On January 31, 1504, the marriage between Agnolo Doni, belonging to a rich family of cloth merchants, and Maddalena Strozzi, member of the most important banking family in the city, after the Medici, was celebrated in Florence…

  • Storia di una collezione: i capolavori grafici degli Uffizi salvati. Il libro

    Storia di una collezione: i capolavori grafici degli Uffizi salvati. Il libro

    Cosa sarebbe accaduto all’enorme patrimonio grafico delle Gallerie degli Uffizi se nello scorso secolo, caratterizzato dalle due Guerre Mondiali, non ci fossero stati valorosi soprintendenti?

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: