Vai al contenuto

Cristo di Santo Spirito: il legno trasformato in carne viva

Era da poco morto Lorenzo il Magnifico quando il giovane Michelangelo non ancora ventenne si accinse a scolpire un Crocifisso di legno, che si posa-sopra il mezzo tondo dell’altare maggiore, a compiacenza del priore il quale gli diede comodità di stanze”, Giorgio Vasari.

Annunci

Il Cristo, alto un metro e trentanove centimetri che scolpii a soli 19 anni, ha un incarnato livido quasi trasparente.

I capelli li feci modellando un impasto di mestica a stucco e stoppa. Talmente son definiti tanto da che paion morbidi come quelli veri. In corrispondenza del pube, al centro del petto e sotto le ascelle, dipinsi la leggera peluria tipica di un ragazzo qualsiasi di quattordici anni.

Le gocce di sangue rigano il volto del Cristo crocifisso a partire dalla zona della fronte, martoriata dalla corona di spine. Un tempo il Cristo mio aveva sia la la corona di spine che probabilmente il panno a coprirgli il pube ma andarono perduti nel corso dei secoli.

Annunci

Ogni piega della carne è perfetta: i dettagli delle ginocchia, dei gomiti e delle dita, anche se ne mancano alcune o parte di esse, lasciano sbalorditi per la loro correttezza anatomica. Insomma, mi venne proprio bene questo Cristo.

È difficile rimanere indifferenti dinnanzi al Crocifisso di Santo Spirito. Come disse la Lisner “ Talmente vivo che risponde a tutti i giochi di luce”.

Diedi al Cristo un’espressione dolcissima. Il suo naso è paragonabile a quello che avranno poi la Vergine e il Cristo della Pietà Vaticana.

Annunci

La prima sensazione che si ha trovandosi di fronte a questa opera è quella di voler salire fino ai piedi della Croce, abbracciare il Cristo, togliere i chiodi e scenderlo da lì per vedere se ancora respira, se ancora ha qualche possibilità di tornare a vivere.

Nella compostezza del corpo c’è la straziante verità del fatto storico. L’unica cosa che fa trattenere lo spettatore dal salir fin lassù è la sua posizione elevata. Il Cristo di Santo Spirito invita a pensare, commuove: il legno trasformato in carne viva.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Soffrivo di calcoli renali

I calcoli renali per anni mi hanno tormentato. Ai miei tempi si chiamava il male della renella ma sempre di calcoli si trattava. Ci furono un paio di momenti particolarmente difficili durante i quali non potetti fare a meno di fermarmi e interrompere momentaneamente i lavori agli affreschi della Cappella Paolina.

Pontremoli e il Museo delle Statue Stele

“Unica chiave e porta della Toscana”: così veniva appellato non a caso il borgo di Pontremoli nel Medioevo. È il comune più a Nord di tutta la regione Toscana e si pensa possa essere stata un tempo l’antica Apua, la capitale della civiltà dei Liguri Apuani.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: