Vai al contenuto

21 maggio 1471: nasce Albrecht Dürer

Il 21 maggio del 1471 venne al mondo in quel di Norimberga il pittore Albrecht Dürer: quel frugoletto con il passare degli anni diventerà uno dei più grandi esponenti dei Rinascimento del Nord Europa.

Raffinato letterato, disegnatore, incisore e pittore, è stato uno dei più grandi artisti tedeschi di tutti i tempi.

Era il terzogenito di Barbara Holper e dell’orefice Albrecht Dürer il Vecchio e fu proprio il su’ babbo a insegnargli i primi rudimenti dell’incisione.

Albrecht Dürer -Autoritratto del 1498, Museo del Prado, Madrid
Annunci

Albrecht Dürer a sedici anni disse apertamente al babbo che avrebbe preferito intraprendere la carriera di pittore e così si ritrovò a studiare a bottega da Micheal Wolgemut a poca distanza da dove abitava.

“Quando ebbi finito l’apprendistato, mio padre mi fece viaggiare. Rimasi assente quattro anni, finché mio padre mi richiamò. Partii dopo la Pasqua del 1490 e tornai a casa nel 1494, dopo la Pentecoste”  scrisse poi Durer.

Così nel 1490 iniziò a viaggiare per fare tesoro delle sue conoscenze e farne di nuove. Le prime opere pittoriche dell’artista arrivate fino ai vostri giorni sono i ritratti dei due genitori: quello del babbo è ancora oggi conservato nelle Gallerie degli Uffizi mentre quello della mamma era stato dato per perduto e poi rinvenuto nel 1979 a Norimberga.

Studio di un uomo di 93 anni di Durer, Albertina Museum
Annunci

Dopo aver fatto ritorno nella sua città natale, Durer sposò la facoltosa Agnes Frey e, proprio grazie al suo supporto economico, riuscì ad aprire la sua prima bottega in città.

Fra i suoi disegni più celebri vale la pena annoverare la raffinata ala di ghiandaia marina. Si percepisce la morbidezza di ogni piuma e la sua leggerezza. L’opera è di proprietà dell’Albertina Museum che possiede la più vasta collezioni di disegni dell’artista comprensiva di 140 produzioni grafiche.

Ala di ghiandaia marina, 1500, Vienna, Albertina 
Annunci

All’età di trent’anni Albrecht Dürer aveva portato a compimento le sue tre serie più celebri di xilografie a tema religioso ovvero l’Apocalisse, la Grande Passione e la Vita della Vergine.

Negli anni a seguire proseguì a realizzare stampe indipendenti destinate più che altro a raffinati collezionisti privati invece che a istituzioni ecclesiastiche.

Autoritratto con pelliccia, 1500, Alte Pinakothek di Monaco di Baviera
Annunci

Dürer fu fortemente influenzato dall’arte italiana tanto che venne nel nostro Paese due volte per studiare da vicino i grandi capolavori del Rinascimento.

Realizzò diversi autoritratti fra i quali, il più celebre, è quello con pelliccia. Il suo volto assai idealizzato è paragonabile a quello di un Cristo ma non è un paragone blasfemo: lo stesso artista specificò che la somiglianza era dovuta al fatto che Dio crea gli uomini a sua immagine e somiglianza.

Albrecht Durer, Leprotto, 1502, Albertina, Vienna
Annunci

Dürer morì a 57 anni, nel 1528, probabilmente a causa delle conseguenze della malaria. Qualche anno prima s’era incamminato verso i Paesi Bassi per assistere in prima persona all’incoronazione di Carlo V. Fu durante il lungo viaggio che si ammalò e da allora non godette più di ottima salute.

I libri

Se siete alla ricerca di qualche valido libro che vi racconti per filo e per segno la vita e le opere del grande artista, ne ho alcuni da proporvi.

Inizio da Dürer e il Rinascimento tra Germania e Italia che approfondisce proprio il rapporto dell’artista con il Rinascimento italiano. Lo trovate QUA.

Un altro ottimo volume è Albrecht Dürer, una sorta di opera omnia particolarmente curata ma vi avverto: è in lingua inglese e la trovate QUA.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

23 giugno 1406: nasce a Firenze Filippo Lippi

Il 23 giugno del 1406 nacque a Firenze Filippo Lippi: uno dei protagonisti indiscussi della scena artistica fiorentina della seconda metà del Quattrocento.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

1 commento »

  1. Bell’articolo. Grazie. Anche a me piace moltissimo Dürer e ho un paio di pubblicazioni su di lui. Qualcuno lo ha definito “il Da Vinci tedesco”, ma io credo che il paragone sia improprio, anche se fra i due qualche attinenza, solo qualcuna, ci può essere. Buona domenica.

    "Mi piace"

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: