Vai al contenuto

4 ottobre 1497: muore Benozzo Gozzoli a Pistoia

Era un 4 ottobre come oggi ma del lontano 1497 quando il pittore Benozzo Gozzoli passò a miglior vita nella città di Pistoia.

Come scrisse il Vasari nelle Vite, fu allievo del Beato Angelico a Firenze nonché un suo abile collaboratore nella decorazione della chiesa e del Convento di San Marco. Suoi, su disegno dell’Angelico, sono infatti gli affreschi della Preghiera nell’Orto, l’Uomo dei Dolori, la Crocifissione con la Vergine e i Santi Cosma, Giovanni Evangelista e Pietro Martire.

Annunci

La collaborazione artistica fra allievo e maestro proseguì felicemente per una decina di anni. Il 23 maggio del 1447 il Gozzoli seguì l’Angelico nel suo viaggio verso Roma: era stato chiamato da papa Eugenio IV per decorare probabilmente la cappella del Sacramento nel Palazzo Apostolico.

L’anno successivo lavorarono fianco a fianco alla corte di papa Niccolò V fino al giugno del 1448 per affrescare la Cappella Niccolina.

Annunci

La collaborazione assieme al Beato Angelico si interruppe nel 1449 con gli affreschi della Cappella Nuova della cattedrale di Orvieto. Nelle due vele ultimate, sono del Gozzoli una parte delle teste affrescate nei costoloni e alcuni profeti.

La Madonna della Cintola, Benozzo Gozzoli – Musei Vaticani
Annunci

Senza dubbio l’opera più nota e amata di tutte di Benozzo è la Cappella dei Magi affrescata a Palazzo Medici Riccardi su commissione di Cosimo e Piero de’ Medici. L’artista era tornato a Firenze nel 1459 e s’era sposato con la figliola di un mercante di stoffe. Ebbero nove figlioli e due di questi. Francesco e Alessio, seguirono le orme del padre divenendo a loro volta pittori.

Fu proprio nel luglio del medesimo anno che iniziò a metter mano al ciclo di affreschi dei Magi. Un’opera straordinaria che ancora oggi non smette di destare meraviglia negli occhi di chi la vede. In realtà quel corteo dei Magi fu un pretesto per rappresentare un evento politico che diede lustro alla casata dei Medici cioè l’arrivo in città del corteo giunto da Ferrara per il Concilio che ebbe luogo qualche anno prima, fra il 1438 e il 1439. 

La Cappella dei Magi – Palazzo Medici Riccardi, Firenze

Il Gozzoli ci ha lasciato in eredità un gran numero di opere realizzate nella sua lunga vita. Nel 1495 si trasferì a Pistoia dove vivevano i suoi figlioli Francesco e Giovan Battista. Il 4 ottobre del 1497 Benozzo Gozzoli passò a miglior vita.

Dal ciclo di San Francesco a Montefalco, Benozzo Gozzoli
Annunci

Il libro

Se volete conoscere meglio la vita e le straordinarie opere di Benozzo Gozzoli, vi consiglio il libro a seguire scritto da Diane Cole Ahl. Una sorta di opera omnia che inizia la narrazione dagli anni giovanili dell’artista e raccoglie tutti i suoi capolavori realizzati nel corso degli anni. Lo trovate QUA

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

4 October 1497: Benozzo Gozzoli dies in Pistoia

It was October 4th like today but back in 1497 when the painter Benozzo Gozzoli passed away in the city of Pistoia.

As Vasari wrote in the Lives, he was a pupil of Beato Angelico in Florence as well as one of his skilled collaborators in the decoration of the church and the Convent of San Marco. In fact, the frescoes of the Prayer in the Garden, the Man of Sorrows, the Crucifixion with the Virgin and Saints Cosmas, John the Evangelist and Peter Martyr are by him based on a design by Angelico.

The artistic collaboration between pupil and teacher continued happily for about ten years. On 23 May 1447, Gozzoli followed the Angelico on his journey to Rome: he had been called by Pope Eugene IV to probably decorate the chapel of the Sacrament in the Apostolic Palace. The following year they worked side by side at the court of Pope Nicholas V until June 1448 to fresco the Niccolina Chapel.

The collaboration with Beato Angelico was interrupted in 1449 with the frescoes in the New Chapel of the cathedral of Orvieto. In the two finished sails, a part of the heads frescoed in the ribs and some prophets are by Gozzoli.

Undoubtedly, the best known and most loved work of all by Benozzo is the Chapel of the Magi, frescoed in Palazzo Medici Riccardi commissioned by Cosimo and Piero de ‘Medici. The artist had returned to Florence in 1459 and married the daughter of a cloth merchant. They had nine children and two of these. Francesco and Alessio, followed in their father’s footsteps, becoming painters themselves.

It was precisely in July of the same year that he began to put his hand to the cycle of frescoes of the Magi. An extraordinary work that still today does not cease to arouse wonder in the eyes of those who see it. In reality, that procession of the Magi was a pretext to represent a political event that gave prestige to the Medici family, that is, the arrival in the city of the procession from Ferrara for the Council which took place a few years earlier, between 1438 and 1439.

Gozzoli bequeathed us a large number of works created in his long life. In 1495 he moved to Pistoia where his sons Francesco and Giovan Battista lived. On 4 October 1497 Benozzo Gozzoli passed away.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

18 febbraio: gratis i Musei del Bargello

🇮🇹Belle notizie in arrivo: il 18 febbraio i Musei del Bargello apriranno gratuitamente al pubblico per celebrare in grande stile l’anniversario della morte di Anna Maria Luisa de’ Medici… 🇬🇧Good news on the way: on 18 February the Bargello Museums will open free to the public to celebrate the anniversary of the death of Anna…

La Scultura del Giorno: Amore e Psiche stanti di Canova

🇮🇹La scultura del giorno che vi propongo oggi è Amore e Psiche stanti di Antonio Canova, il gruppo che ha per tema l’eterno conflitto fra l’amore e la psiche… 🇬🇧The sculpture of the day that I propose to you today is Cupid and Psyche by Antonio Canova, the group that has as its theme the…

San Pietro: lo stemma papale della facciata

🇮🇹Quando ci si ritrova al cospetto della Basilica di San Pietro , si fa davvero fatica a notare ogni dettaglio. La sua imponenza e le tante opere che la decorano quasi stordiscono. La ragione lascia spazio all’emozione e ci si perde… 🇬🇧When you find yourself in front of St. Peter’s Basilica, it’s really hard to…

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

1 commento »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: