Vai al contenuto

La Tribuna degli Uffizi, con video

La Tribuna degli Uffizi è il primo nucleo del museo, concepito per raccogliere le opere più preziose. Ha una forma a pianta ottagonale ed è opera del Buontalenti.

Le origini della Tribuna

La Tribuna fu progettata da Bernardo Buontalenti dea il 1581 e il 1583 per volere del granduca Francesco I de’ Medici. Non avrebbe contenuto solo dipinti e sculture ma anche oggetti particolari e rari naturali. Una sorta di camera delle meraviglie pensata per stupire gli avventori e deliziare Francesco I.

Il Granduca aveva già il suo studiolo privato a Palazzo Vecchio ma preferì trasferire nella nuova Tribuna tutto il suo contenuto ordinandolo secondo nuovi criteri espositivi che oramai non erano più direttamente collegati al collezionismo enciclopedico. Di fatto rese disponibile la sua collezione privata fino ad allora visibile da pochi a un pubblico più amplio.

Le particolarità della Tribuna degli Uffizi

La Tribuna con tutti i suoi elementi rappresenta il cosmo con i suoi elementi. L’aria è raffigurata dalla lanterna mentre la madreperla che riveste l’interno della cupola è l’acqua. La tappezzeria scarlatta alle pareti è il fuoco mentre e pietre dure che rivestono la pavimentazione sono la rappresentazione della terra.

La cupola con tanto di lanterna è coronata da una banderuola in ferro collegata direttamente a una lancetta visibile dall’interno che consente di vedere il vento che spira sulla rosa dei venti. Non solo. La lanterna funziona da meridiana che segna solstizi ed equinozi con precisione.

Mentre un tempo al centro della sala era stato posizionato uno scrigno a forma ottagonale progettato dal Giambologna e decorato con oro e pietre preziose, oggi c’è il tavolo decorato con la tecnica del commesso fiorentino in pietre dure, realizzato dalle officine granducali nel Settecento.

I decori

Per realizzare la pavimentazione, Bernardo Buontalenti ideò un progetto a raggiera di marmi policromi mentre lo zoccolo purtroppo andato perduto, fu dipinto con sassi, piante, uccelli e pesci.

Si occupò poi di far rivestire le pareti con prezioso velluto rosso cremisi e frange dorate mentre il tamburo fu arricchito con decori di volute vegetali riprodotte in madreperla e oro.

La cupola è di per sé un capolavoro con le valve di madreperla incastonate su un fondo di lacca rossa applicata sopra la foglia d’oro. Se guardate bene noterete che la lacca, mano a mano che si procede verso l’alto, è sempre più sottile fino a far trasparire l’oro.

La Tribuna degli Uffizi oggi può essere vista solo dalle porte di accesso transennate: una misura adottata dopo l’ultimo restauro per preservare l’integrità della pavimentazione originale.

Prima di salutarvi vi propongo il video che segue nel quale la storica dell’arte Cristina Acidini vi racconta alcune cose sulla Tribuna degli Uffizi. Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi racconti.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

€5,00

LaBorsetteria - Saldi fino al 50%

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: