Vai al contenuto

Lo Studiolo di Francesco I a Palazzo Vecchio

Lo Studiolo di Francesco I fatto costruire dentro Palazzo Vecchio ha una lunga storia che inizio con suo padre, Cosimo I… sedetevi comodi che oggi voglio raccontarvi le origini di questi due studi affini ma differenti.

Lo studiolo di Cosimo I de’ Medici

Con Cosimo I de’ Medici ebbi un rapporto assai contrastato e burrascoso. Gli debbo riconoscere però che era un grande studioso appassionato di scienze e alchimia.

Si narra addirittura che nel 1549 fu rinvenuta una carcassa di Capodoglio in quel di Livorno. Volle fosse portata a Firenze e la mise sotto la Loggia dei Lanzi per stupire fiorentini e viaggiatori. Un’idea assai bizzarra ma pensate quanto fosse allora straordinario vedere una cosa del genere per chi nemmeno immaginava potessero esistere esseri marini di quelle dimensioni e fattezze.

Cosimo I fece di Palazzo Vecchio la sua residenza nel 1540. Cinque anni più tardi, nel 1545, volle nel piano ammezzato, volle far ricavare una piccola stanza con un’unica finestrella che si affaccia su via della Nina.

Lì non doveva entrare nessuno: era la stanza segreta del Duca. Negli armadi alle pareti conservava documenti personali, oggetti rari ma anche un gran numero di strumenti e accessori di interesse scientifico.

Annunci

Cosimo I si metteva spesso al lavoro per preparare medicinali seguendo procedimenti tutt’altro che semplici. Queste medicine le adoperava in prima persona ma talvolta le spediva come prezioso regalo ai sovrani di tutto il mondo allora noto.

Il mio caro amico Giorgio Vasari ebbe il compito di progettare le decorazioni del soffitto con i quattro evangelisti, la personificazioni delle arti e delle muse mentre gli angoli furono abbelliti con le personificazioni dell’astronomia, della poesia, filosofia e della geometria.

Lo studiolo di Francesco I

Lo studiolo più celebre dentro Palazzo Vecchio però non è quello di Cosimo I ma del figlio Francesco I. Francesco non volle che nel suo studio comparissero simbologie religiose e non volle ci fossero finestre.

Annunci

Lo studiolo di Cosimo I dista giusto un paio di scalette da quello del figlio Francesco I. Pensate che si perse la conoscenza dello studio del padre al tempo dei Lorena. Solo durante gli interventi di restauro effettuati nel periodo di Firenze Capitale, lo studiolo di Cosimo I tornò alla luce. Era il 1908.

Annunci

Oggi questo studiolo è comunicante con il Salone dei Cinquecento. Francesco I lo adoperava per catalogare le sue preziose collezioni mentre per fare i suoi esperimenti alchemici, preferiva scegliere il Casino di San Marco visto che lo studiolo era privo di finestre per l’areazione.

Il libro

Se volete conoscere meglio questo luogo e i suoi segreti alchemici, vi consiglio appassionatamente il libro Lo studiolo di Francesco I de’ Medici in Palazzo Vecchio a Firenze che trovate QUA: buona lettura

Entrambi gli studioli sono visitabili. Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi racconti.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

Ultime dal blog

Annunci

Il primo progetto per la facciata di San Lorenzo

🇮🇹Il disegno di cui vi parlo oggi oggi riguarda il primo progetto che presentai nel dicembre del 1516 a papa Leone X per la realizzazione della facciata della Basilica di San Lorenzo, tutt’oggi incompiuta
🇬🇧The drawing I am talking about today concerns the first project that I presented in December 1516 to Pope Leo X for the construction of the facade of the Basilica of San Lorenzo, which is still unfinished today.

La Bologna del Rinascimento: la mostra diffusa in città

🇮🇹A Bologna sta per arrivare dalla National Gallery di Londra il ritratto di Giulio II di Raffaello per la mostra “Giulio II e Raffaello. Una nuova stagione del Rinascimento a Bologna” e in città si apre la mostra diffusa in 9 tappe fondamentali
🇬🇧 The portrait of Julius II by Raphael is about to arrive in Bologna from the National Gallery in London for the exhibition “Julius II and Raphael. A new season of the Renaissance in Bologna” and the exhibition in 9 fundamental stages opens in the city

Annunci

2 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: