Vai al contenuto

26 dicembre: Santo Stefano nel mondo dell’arte

Oggi 26 dicembre si ricorda Santo Stefano: il primo martire cristiano. Come è stato raffigurato nel mondo dell’arte nel corso dei secoli?

Santo Stefano fu ucciso attorno al 36 d.C., accusato di blasfemia e condannato alla morte per lapidazione. Sapete chi fu uno dei principali inquisitori del santo? Saulo di Tarso che poi diventerà San Paolo, folgorato sulla via per Damasco dalla visione di Cristo.

La sua vicenda viene narrata negli Atti degli Apostoli. Stefano faceva parte della prima comunità cristiana che era nata immediatamente dopo la morte di Cristo, basata sull’applicazione della carità e della condivisione dei beni.

Stefano si distingueva in modo particolare dagli altri per il suo intento di propagare la fede parlandone a ogni persona che incontrasse.

Il luogo del martirio per tradizione si trova a Gerusalemme, poco distante dalla Porta di Damasco dove fu edificata la chiesa di Saint Etienne. In Italia il giorno dedicato a Santo Stefano, il 26 dicembre, è festivo solo dal 1947, dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Santo Stefano – Giotto
Annunci

Nel mondo dell’arte Santo Stefano è raffigurato assieme agli strumenti del martirio: i sassi. In alcune rappresentazioni l’effetto dei sassi posti attorno alla testa o ai piedi crea un effetto un po’ surreale.

Santo Stefano che vedete sopra è quello dipinto a tempera su tavola da Giotto fra il 1320 e il 1325, oggi visibile presso il Museo Horne di Firenze.

Santo Stefano del Francia

Anche il Francia, ovvero Francesco di Marco Raibolini, vissuto a cavallo fra il Quattrocento e il Cinquecento, dipinse Santo Stefano a olio su tavola. L’opera appartiene alle collezioni di Galleria Borghese.

Santo Stefano fra i Santi Jacopo e Pietro di Domenico Ghirlandaio
Annunci

Domenico Ghirandaio, il mio maestro, dipinse Santo Stefano posizionandolo fra i Santi Jacopo e Pietro. Un’opera del 1493 esposta in modo permanente nella Galleria dell’Accademia di Firenze.

Questo olio su tavola era destinato alla chiesa di Santa Maria Maddalena de’ Pazzi in Borgo Pinti e fu commissionato da Stefano di Jacopo Boni.

Martirio di Santo Stefano del Vasari

Sono molte le raffigurazioni di Santo Stefano durante il martirio realizzate nel Cinquecento. Mentre prima di questo periodo si era più propensi, come detto prima, a rappresentare il Santo assieme alle pietre, successivamente si passò alle scene che lo ritraevano durante l’uccisione. Questa scelta rappresentativa fu anche quella del Vasari che fra il 1569 e il 1517 dipinse una grande tela alta più di 4 metri e larga quasi tre per la chiesa di Santo Stefano di Pisa.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti che salutandovi, augura a tutti gli Stefano e Stefania un buon onomastico.

Il volto di Santo Stefano del Ghirlandaio
Annunci

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Io Canova: la nuova mostra dedicata al genio europeo

🇮🇹In occasione dei 200 anni dalla morte di Antonio Canova, i Musei Civici di Bassano del Grappa ospitano una grande mostra a lui dedicata: “Io Canova, genio europeo”…
🇬🇧On the occasion of the 200th anniversary of Antonio Canova’s death, the Civic Museums of Bassano del Grappa are hosting a large exhibition dedicated to him: “Io Canova, European genius”…

Quando si pensò di mettere il David nella Cappella dei Principi

🇮🇹Sapete che ci fu un momento in cui il David rischiò di essere posto al centro della Cappella dei Principi? Uno smacco per me e pure per i Medici… vi racconto quell’incredibile storia
🇬🇧Do you know that there was a moment when the David risked being placed in the center of the Chapel of the Princes? A setback for me and also for the Medici … I’ll tell you that incredible story

Il Commesso Fiorentino: la storia e le caratteristiche di quest’antica arte

🇮🇹Sembra impossibile che le pietre possano essere adoperate per creare decorazioni così minute e di grande effetto eppure il commesso fiorentino è una sorta di pittura con pietre dure: qualcosa di unico e un vanto tutto fiorentino…
🇬🇧It seems impossible that stones can be used to create such minute and impressive decorations, yet the Florentine salesman is a kind of painting with semi-precious stones: something unique and a Florentine pride…

Un’aspra biografia ma ricca di lodi: il Michaelis Angeli Vita

🇮🇹Quado avevo poco più di cinquant’anni ed ero impegnato in quel di Firenze con il progetto della Sagrestia Nuova, Paolo Giovio, un assai colto vescovo di Como, si mise a scrivere una biografia su di me: il Michaelis Angeli Vita: una biografia aspra…
🇬🇧When I was just over fifty years old and was engaged in that of Florence with the project of the New Sacristy, Paolo Giovio, a highly educated bishop of Como, began to write a biography about me: the Michaelis Angeli Vita: a harsh biography …

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: