Vai al contenuto
Annunci

La Madonna che bacia Cristo esanime

Fra i disegni miei meno conosciuti c’è sicuramente questa Pietà frammentaria, conservata presso il Teyler Museum di Haarlem. Fu attribuito per la prima volta a me da Panofsky assai recentemente, nel 1927, e negli anni a seguire la sua intuizione fu confermata ampiamente da Tolnay e da altri esperti di tal calibro.

Il gruppo centrale è formato dal Cristo oramai privo dell’alito vitale. Ha il capo chino e il suo peso è sostenuto a fatica dalla Madre. Mentre in molte opere mie la Madonna non guarda mai direttamente il Figlio piccolo come nell’opera di Bruges o nei tondi marmorei, qui lo bacia teneramente. Nella mia produzione è un gesto unico, proposto per la prima volta e mai più riadoperato negli anni a venire.

Osservando il disegno frammentato pare di capire che la Madonna sollevi il braccio destro del Cristo, quasi fosse un’ultima benedizione prima della sepoltura.

Il Panfosky che per primo mi attribuì questo lavoro, interpretò la figura che sorregge il Cristo come un San Giovanni ma non aveva tenuto in considerazione proprio il sollevamento del braccio che fa la Madonna: un gesto tipico che si trova in molte opere rinascimentali. Il San Giovanni c’è nel disegno ed è la figura che si vede a destra mentre le due donne a sinistra potrebbero essere le Marie. Contando tutte le teste appena accennate e la figura inginocchiata nel riquadro a destra, i personaggi sarebbero otto.

Questo disegno potrebbe benissimo essere benissimo collegato al grande cartone della Pietà ahimé andato perduto chissà come che viene annoverato nell’inventario di casa mia a Macel de’ Corvi, redatto subito dopo la mia dipartita dal vostro mondo.

Nell’attribuzione a me di questa Pietà frammentaria sembrano non esserci più dubbi. Per la datazione ancora si discute ma quella più plausibile pare essere l’ultima del Tolnay che lo fa risalire al 1550, in considrazione dei contorni assai ripetuti, dai volti poco marcati tipici di quel periodo della mia vita e del tratteggio in diagonale assai sfumato.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi racconti quotidiani.

Pietà frammentaria Teyler museum

Annunci

1 commento »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: