Aveva fretta e non sentiva ragioni

Giulio II aveva fretta e non sentiva ragioni: voleva veder conclusa la sua volta in tempi brevissimi. Appena aveva un attimo di tregua, fra una battaglia e l’altra, me lo vedevo comparire sui ponteggi e già dallo sguardo si capiva che non era lì per declamare qualche elogio che fra l’altro non mi sarebbe dispiaciuto. S’arrampicava agilmente e con fare imperioso mi domandava quando avrei completato l’opera. Nonostante dipingessi a ritmo frenetico dall’alba al tramonto e a volte anche dopo, non era mai contento…voleva mi dessi più da fare. Ah, i committenti: tutti ugualmente impazienti e privi di buon senso!

Mano a mano che mi avvicinavo all’altare le figure le figure divenivano più imponenti e riuscivo a realizzarle in poche giornate. Non so se altro mortale avesse a quel tempo (ma nemmeno ai tempi vostri) la mia abilità e rapidità che conquistai io nella parte terminale della volta.

Finalmente nell’ottobre del 1512 terminai il lavoro e tirai un sospiro di sollievo. “Io ò finita la cappela che io dipignevo: el papa resta assai ben sodisfato, e l’altre cose non mi riescono a me come stimavo; incolpone e’ tempi, che son molto contrari all’arte nostra” scrissi poi in una lettera a mio padre proprio dopo aver dato le ultime pennellate a quegli affreschi.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e la fretta che mi mise il papa

 

michelangelo-sibilla-delfica.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...