Non pecca amar le cose di natura

Quand’il servo il signor d’aspra catena
senz’altra speme in carcer tien legato,
volge in tal uso el suo misero stato,
che libertà domanderebbe appena.
    E el tigre e ‘l serpe ancor l’uso raffrena,
e ‘l fier leon ne’ folti boschi nato;
e ‘l nuovo artista, all’opre affaticato,
coll’uso del sudor doppia suo lena.
    Ma ‘l foco a tal figura non s’unisce;
ché se l’umor d’un verde legno estinge,
il freddo vecchio scalda e po’ ‘l nutrisce,
e tanto il torna in verde etate e spinge,
rinnuova e ‘nfiamma, allegra e ‘ngiovanisce,
c’amor col fiato l’alma e ‘l cor gli cinge.
    E se motteggia o finge,
chi dice in vecchia etate esser vergogna
amar cosa divina, è gran menzogna.
    L’anima che non sogna,
non pecca amar le cose di natura,
usando peso, termine e misura.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi tormenti

P1010182.JPG

Advertisements

One thought on “Non pecca amar le cose di natura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...