Vai al contenuto

La piazza del Campidoglio

Paolo III era diventato papa già da qualche anno quando attorno all’anno 1537 iniziò a sistemare nella zona del Campidoglio alcune collezioni archeologiche pregiate. Fra i tanti capolavori presenti c’era anche la colossale raffigurazione in bronzo di Marco Aurelio a Cavallo: la scultura equestre di epoca classica giunta vino ai vostri tempi integra.

Annunci

La grande collezione di antichità di papa Paolo III Farnese aveva bisogno di un’adeguata cornice e mi chiese di sistemare perbenino tutta l’area.

Già erano già stati edificati il Palazzo dei Conservatori e il Senatorio però l’aspetto complessivo era tutt’altro che armonico. Così progettai un terzo edificio da collocare proprio dinnanzi a quello dei Conservatori, caratterizzato da una forma trapezoidale perfettamente simmetrica. Già che c’ero risistemai anche le facciate degli altri due palazzi dandogli un ordine gigante.

Annunci

Il centro della piazza lo riservai per posizionare la grande statua equestre di Marco Aurelio e progettai un nuovo accesso che fosse in asse con la nuovissima piazza. La gradinata avrebbe condotto a Piazza del Campidoglio regalando un effetto di sorpresa agli avventori.

Se capitate a Roma, visitate tutti i musei e i complessi monumentali che desiderate ma non tralasciate di dare uno sguardo a questa piazza. Oh che non succeda come il mio David a Firenze: la statua di Marco Aurelio a cavallo che vedete troneggiare nel centro della piazza è una copia, fatta bene ma pur sempre di copia si tratta. L’originale è conservato all’interno dei Musei Capitolini.

Annunci

Il Marco Aurelio a cavallo

Come accennato prima, il Marco Aurelio a cavallo originale è stato sostituito da una copia e quello più antico messo all’interno dei Musei Capitolini per motivi conservativi. Quell’opera fu realizzata nel lontano 176 d.C e le sue collocazioni originali ipotizzate sono due: il Foro Romano e Piazza Colonna.

Annunci

Quello che è certo è che nei secoli a seguire l’opera fu spostata fino al Laterano. Sapete perché come altre opere in bronzo non fu fusa per ricavarne materiale da adoperare per altri scopi? Ebbene, si pensava che l’uomo fosse Costantino, il primo imperatore cristiano e quindi fu risparmiato dallo scempio del riciclo romano, tanto in voga fino all’Ottocento.

Nel 1538, per volere di Papa Paolo III, fu portata fino al Campidoglio. Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi racconti.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Imperatrici, matrone e liberte: la nuova mostra a 360° degli Uffizi

Per la prima volta la Galleria degli Uffizi propone un virtual tour a 360° online che ci porta alla scoperta della mostra archeologica Imperatrici, matrone, liberte. Volti e segreti delle donne romane curata da Novella Lapini

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: