Vai al contenuto

Il cuore passa attraverso gli occhi

Prima di andarmi a sedere sulle sponde dell’Arno per trovare una quiete che mi manca da tempo, vi lascio qualche verso che scrissi anni orsono. 

Che la sorte vi stia vicino come non ha saputo far con me.



72

Se nel volto per gli occhi il cor si vede,

altro segno non ho più manifesto

della mie fiamma; addunche basti or questo,

signor mie caro, a domandar mercede.

    Forse lo spirto tuo, con maggior fede

ch’i’ non credo, che sguarda il foco onesto

che m’arde, fie di me pietoso e presto,

come grazia c’abbonda a chi ben chiede.

    O felice quel dì, se questo è certo!

    Fermisi in un momento il tempo e l’ore,

il giorno e ‘l sol nella su’ antica traccia;

    acciò ch’i’ abbi, e non già per mie merto,

il desïato mie dolce signore

per sempre nell’indegne e pronte braccia.

20100219221637_img_4943s

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: