Vai al contenuto

Il Museo dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze

Il Museo dell’Opificio delle Pietre Dure è una di quelle mete proprio imperdibili a Firenze.

Visitarlo significa riuscire a comprendere meglio l’importanza della manifattura del Commesso Fiorentino: l’antica tecnica decorativa usata per realizzare decorazioni raffinatissime usando marmi accuratamente sagomati e pietre dure.

Annunci

Il Museo in questione non è stato realizzato con lo scopo di collezionare preziose opere ma di mettere a disposizione del pubblico i lavori o parte di essi che sono rimasti all’interno dei laboratori dell’Opificio. Ciò non toglie che siano presenti pregevoli esempi di manifattura come il preziosissimo caminetto in malachite verde o una delle ultime donazioni ricevute dal museo: il superbo piano di tavolo con civetta e uccelli in un paesaggio.

Questo capolavoro fu realizzato in pietre dure e tenere nella metà del Seicento e riferibile al periodo di Ferdinando II de’ Medici. Per la composizione fu preso a modello un dipinto seicentesco del pittore fiammingo  Snyders.

Annunci

Passando da un ambiente all’altro si ammirano esempi mirabili realizzate in pietre dure come i cabinet, i piani dei tavoli, targhe intarsiate e scene pittoriche in pietre intarsiate.

Annunci

Al piano superiore sono esposti i banchi di lavoro in legno e gli antichi strumenti che venivano adoperati per lavorare le pietre dure come le pialle e i seghetti.

Alla parete si possono ammirare nelle vetrine contornate il legno di ciliegio un gran numero di pietre dure provenienti da diverse parti del mondo: le stesse poi utilizzate per creare i capolavori a commesso fiorentino.

Il prezioso caminetto in malachite
Annunci

La tecnica del commesso fiorentino ha origini remote ma deve il suo periodo di maggior splendore al granduca Ferdinando I de’ Medici. Nel 1588 il granduca fondò infatti l’Opificio delle Pietre Dure cioè una manifattura del commesso fiorentino.

Annunci

Ferdinando I aveva la necessità di portare a termine la grandiosa Cappella dei Principi appartenente al complesso di San Lorenzo.

Lo scopo primario dell’Opificio era infatti quello di creare le maestranze necessarie per realizzare prima e mantenere poi la grandiosa cappella degli ultimi esponenti della famiglia Medici decorata con raffinate opere in commesso fiorentino.

Annunci


Il Museo dell’Opificio delle Pietre Dure si trova in Via degli Alfani 78, non molto distante dalla Galleria dell’Accademia. Apre abitualmente dal lunedì al Sabato dalle ore 08.15 fino alle 14.00. Il biglietto intero ha un costo di 4 euro mentre il ridotto 2 euro.

Annunci

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

The Museum of the Opificio delle Pietre Dure in Florence

The Opificio delle Pietre Dure Museum is one of those unmissable destinations in Florence.

Visiting it means being able to better understand the importance of the Florentine Commesso’s manufacturing: the ancient decorative technique used to create extremely refined decorations using carefully shaped marble and semi-precious stones.

Annunci

The museum in question was not created with the aim of collecting precious works but to make the works or part of them available to the public that remained inside the workshops of the Opificio. This does not mean that there are valuable examples of manufacture such as the precious green malachite fireplace or one of the latest donations received by the museum: the superb table top with an owl and birds in a landscape.

This masterpiece was made of hard and soft stones in the mid-seventeenth century and can be traced back to the period of Ferdinand II de ‘Medici. A seventeenth-century painting by the Flemish painter Snyders was used as a model for the composition.

Passing from one room to another you can admire admirable examples made of semi-precious stones such as cabinets, table tops, inlaid plaques and pictorial scenes in inlaid stones.

Upstairs are the wooden workbenches and the ancient tools that were used to work hard stones such as planes and saws.

Annunci

On the wall you can admire in the showcases surrounded by cherry wood a large number of semiprecious stones from different parts of the world: the same ones then used to create the Florentine salesman masterpieces.

The Florentine salesman technique has remote origins but owes its period of greatest splendor to Grand Duke Ferdinando I de ‘Medici. In fact, in 1588, the Grand Duke founded the Opificio delle Pietre Dure, which is a factory of the Florentine salesman.

Ferdinand I needed to complete the grandiose Chapel of the Princes belonging to the San Lorenzo complex.

The primary purpose of the Opificio was in fact to create the necessary workers to first build and then maintain the grandiose chapel of the last exponents of the Medici family decorated with refined works in Florentine commesso.

The Opificio delle Pietre Dure Museum is located in Via degli Alfani 78, not far from the Accademia Gallery. It usually opens from Monday to Saturday from 08.15 to 14.00. The full ticket costs € 4 while the reduced ticket costs € 2.

For the moment, your Michelangelo Buonarroti greets you by giving you an appointment at the next posts and on social networks.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • Il Natale ai Musei Vaticani

    Il Natale ai Musei Vaticani

    🇮🇹In occasione del Santo Natale, nelle giornate del 10, del 17 e del 23 dicembre, i Musei Vaticani propongono un’eccezionale visita guidata alla scoperta del Presepe nell’Arte… 🇬🇧On the occasion of Holy Christmas, on 10, 17 and 23 December, the Vatican Museums offer an exceptional guided tour to discover the Crib in Art…

  • Documentario: Macchiaioli, una pittura rivoluzionaria

    Documentario: Macchiaioli, una pittura rivoluzionaria

    Se questo pomeriggio piove anche da voi e volete rimanere in casa a guardare qualcosa di bello e interessante, vi propongo questo interessante documentario dal titolo “Macchiaioli, una pittura rivoluzionaria”.

  • La carta che usavo per disegnare, scrivere lettere e annotare ricordi

    La carta che usavo per disegnare, scrivere lettere e annotare ricordi

    🇮🇹Se è nota la mia dimestichezza nello scegliere i marmi, meno celebre è la mia abilità nell’acquistare la carta che mi serviva quotidianamente per disegnare e scrivere le lettere che inviavo spesso e volentieri a parenti, amici, conoscenti e ai potenti del mondo dell’epoca… 🇬🇧If my familiarity in choosing marbles is known, less famous is my ability to purchase the paper that I needed every day to draw and write the letters that I often and willingly sent to relatives, friends, acquaintances and the powerful of the world of era…

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: