Vai al contenuto

La Cappella di Eleonora di Toledo affrescata dal Bronzino

Gli affreschi realizzati all’interno della Cappella di Eleonora di Toledo sono uno dei capolavori assoluti del Bronzino. Questo ambiente si trova all’interno di Palazzo Vecchio e fa parte del cosiddetto Quartiere di Eleonora, realizzato da Giovan Battista del Tasso e il mio caro amico Giorgio Vasari.

Fu Cosimo I de’ Medici, marito di Eleonora di Toledo, ad affidare questa importante commissione al Bronzino. Secondo i pagamenti effettuati dal duca al pittore, i lavori per gli affreschi ebbero inizio nel 1541 e terminarono nel 1546.

Annunci

Bronzino iniziò a metter mano agli affreschi cominciando dal soffitto. Al centro della scena volle raffigurare la Trinità ma prima nella stessa posizione aveva dipinto lo stemma Medici-Toledo.

Oggi di quella prima stesura rimane solo una parte riaffiorata sotto i tre volti in uno della Trinità e il disegno preparatorio dell’intero soffitto appartenente allo Städelsches Kunstinstitut di Francoforte.

Annunci

Tutt’attorno al centro si distinguono nettamente San Giovanni Evangelista penitente a Patmos, San Francesco che riceve le stimmate, San Girolamo con il Leone, San Michele Arcangelo che vince il demonio. Se osservate bene, noterete che le figure sembrano illuminate dalla luce proveniente dalla Trinità.

Particolare affrescato dal Bronzino nella Cappella di Eleonora da Toledo, Palazzo Vecchio
Annunci

Nei pennacchi invece il Bronzino volle dipingere la personificazione di quattro virtù ovvero la Temperanza, la Fortezza, la Giustizia e la Prudenza.

La Deposizione di Cristo che vedete al centro della cappella è un dipinto a olio su tavola che ha una storia assai singolare. Il Bronzino realizzò un primo dipinto con questo tema da sistemare sopra l’altare ma Cosimo I, tanto apprezzò quel capolavoro che volle farne dono al cancelliere di Carlo V, il cardinale Nicolas Granvelle. Quel dipinto dai colori brillanti si trova oggi al Musée des beaux Arts di Besancon mentre l’opera presente nella Cappella di Eleonora di Toledo è una copia molto più cupa realizzata sempre dal Bronzino.

Particolare della Deposizione di Cristo del Bronzino, seconda versione
Annunci

La tavola della Deposizione è affiancata da un Angelo Annunciante e dalla Vergine Annunciata mentre poco sopra si vedono il David e la Sibilla Eritrea.

Le pareti laterali invece furono affrescate dal Bronzino con le storie di Mosè: il Passaggio del Mar Rosso, la Caduta della manna assieme alla comparsa delle sorgenti nel deserto e il Serpente di Bronzo. Quest’ultimo è un episodio che volli includere anch’io negli affreschi della volta della Sistina.

Annunci

La scena con il Serpente di Bronzo si trova sulla parete d’ingresso della Cappella mentre sulla parete destra potete vedere il Passaggio del Mar Rosso, caratterizzato da una porzione andata perduta per sempre.

Infine, sulla parete sinistra si vede la scena del Mosè che fa scaturire l’acqua dalla roccia con tanto di angioletti con calice e globo, attigua alla scena con la caduta della manna.

Annunci

Prima di salutarvi, il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta invitandovi a visitare la meravigliosa Cappella di Eleonora di Toledo a Palazzo Vecchio e vi propongo un’ottima lettura.

Il libro

Se volete conoscere meglio la storia personale di Eleonora di Toledo, vi consiglio il libro scritto da Francesca Rechel Valli: Eleonora de Toledo sposa amata di Cosimo I de’ Medici. Il libro lo trovate QUA

The Chapel of Eleonora di Toledo frescoed by Bronzino

The frescoes created inside the Eleonora di Toledo Chapel are one of Bronzino’s absolute masterpieces. This room is located inside Palazzo Vecchio and is part of the so-called Eleonora’s Quarter, built by Giovan Battista del Tasso and my dear friend Giorgio Vasari.

It was Cosimo I de ‘Medici, husband of Eleonora di Toledo, who entrusted this important commission to Bronzino. According to the payments made by the duke to the painter, the works for the frescoes began in 1541 and ended in 1546.

Annunci

Bronzino began to put his hand to the frescoes starting from the ceiling. At the center of the scene he wanted to depict the Trinity but previously in the same position he had painted the Medici-Toledo coat of arms.

Today only a part of that first draft remains that has resurfaced under the three faces in one of the Trinity and the preparatory drawing of the entire ceiling belonging to the Städelsches Kunstinstitut in Frankfurt.

All around the center, St. John the Evangelist penitent in Patmos, St. Francis receiving the stigmata, St. Jerome with the Lion, St. Michael the Archangel who overcomes the devil are clearly distinguished. If you look closely, you will notice that the figures seem to be illuminated by the light coming from the Trinity.

In the pendentives, however, Bronzino wanted to paint the personification of four virtues, namely Temperance, Fortitude, Justice and Prudence.

Annunci

The Deposition of Christ that you see in the center of the chapel is an oil painting on wood that has a very unique history. Bronzino created a first painting with this theme to be placed above the altar but Cosimo I, so much appreciated that masterpiece that he wanted to donate it to the chancellor of Charles V, Cardinal Nicolas Granvelle. That brightly colored painting is now in the Musée des beaux Arts in Besancon, while the work in the Eleonora Chapel in Toledo is a much darker copy also made by Bronzino.

The table of the Deposition is flanked by an Announcing Angel and the Virgin Annunciata while a little above you can see the David and the Eritrean Sibyl.

The side walls, on the other hand, were frescoed by Bronzino with the stories of Moses: the Passage of the Red Sea, the Fall of the manna together with the appearance of the springs in the desert and the Bronze Serpent. The latter is an episode that I too wanted to include in the frescoes of the Sistine vault.

The scene with the Bronze Serpent is located on the entrance wall of the Chapel while on the right wall you can see the Passage of the Red Sea, characterized by a portion that has been lost forever.

Finally, on the left wall you can see the scene of Moses making water gush from the rock complete with little angels with chalice and globe, adjacent to the scene with the fall of the manna.

Before saying goodbye, your Michelangelo Buonarroti greets you by inviting you to visit the wonderful Chapel of Eleonora di Toledo in Palazzo Vecchio

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Le storie di San Francesco di Giotto nel documentario di Zeffirelli

Se avete una manciata di minuti a disposizione e volete dedicarvi a qualcosa di bello, vi propongo questo interessante documentario dal titolo “Le storie di San Francesco di Giotto”..

Io Canova: la nuova mostra dedicata al genio europeo

🇮🇹In occasione dei 200 anni dalla morte di Antonio Canova, i Musei Civici di Bassano del Grappa ospitano una grande mostra a lui dedicata: “Io Canova, genio europeo”…
🇬🇧On the occasion of the 200th anniversary of Antonio Canova’s death, the Civic Museums of Bassano del Grappa are hosting a large exhibition dedicated to him: “Io Canova, European genius”…

Quando si pensò di mettere il David nella Cappella dei Principi

🇮🇹Sapete che ci fu un momento in cui il David rischiò di essere posto al centro della Cappella dei Principi? Uno smacco per me e pure per i Medici… vi racconto quell’incredibile storia
🇬🇧Do you know that there was a moment when the David risked being placed in the center of the Chapel of the Princes? A setback for me and also for the Medici … I’ll tell you that incredible story

Il Commesso Fiorentino: la storia e le caratteristiche di quest’antica arte

🇮🇹Sembra impossibile che le pietre possano essere adoperate per creare decorazioni così minute e di grande effetto eppure il commesso fiorentino è una sorta di pittura con pietre dure: qualcosa di unico e un vanto tutto fiorentino…
🇬🇧It seems impossible that stones can be used to create such minute and impressive decorations, yet the Florentine salesman is a kind of painting with semi-precious stones: something unique and a Florentine pride…

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

2 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: