Vai al contenuto

Il David: il contratto per la sua realizzazione

Il giorno dopo l’Assunzione in cielo della Vergine, il 16 agosto del 1501, sottoscrissi il contratto per la realizzazione del David con la corporazione dell’Arte della Lana, al tempo finanziatrice dell’Opera di Santa Maria del Fiore.

“…ad faciendum et perficiendum et perfece finendumquendam hominem, vocatum gigantem, abozatum, rachiorum novem ex marmore, existentem in dicta opera, olim abozatum per magistrum Augustinum(…) de florentia et male abozatum…”.

Il contratto fu redatto in latino, come avveniva per i documenti ufficiali all’epoca. Io però mica lo sapevo il latino e mai nemmeno volli impararlo. Con il passare del tempo pretesi che tutti i contratti venissero scritti in lingua volgare per consentire a chi sapeva leggere di poter capire cosa ci fosse scritto sopra. Già ai miei tempi era poca la gente che sapeva leggere e scrivere, figuriamoci quelli che conoscevano la lingua dei dotti. Era appunto una lingua per eruditi, principi e papi.

Annunci

Il salario pattuito nel contratto era assai modesto: si parla esplicitamente di 6 fiorini al mese per un lavoro che si sarebbe protratto per due anni.

Fatto sta che poco dopo aver cominciato a metter mano a quel blocco e mostrato quello che potevo tirarne fuori, volli modificare il contratto per ottenere uno stipendio maggiore. Da un compenso complessivo di 140 fiorini pattuiti passai a un totale di 200 fiorini.

Non cominciai immediatamente a metter mano al marmo dopo aver siglato il contratto ma di subbia e martello iniziai a lavorare a settembre. Non fu un capriccio ma tale data era stata specificata a margine del contratto in una postilla:

“Incepit dictus Michelangelus laborare et sculpire dictum gigantem die 13 settembris 1501 ed die lunede mane, quamquam prius videlicet die 9 eiusdem uno vel duobus ictibus scarpelli substulisset quoddam nodum quem habebat in pectore: sed dicta die incepit firmiter et fortier laborare, dicta die 13 et die lune summo mane”

Annunci

Non m’andava a genio che venissero a vedere tutti ciò che stavo facendo e volli fossero fatte realizzare attorno al cantiere delle alte pareti in muratura. Preferivo di gran lunga stare al riparo da sguardi indiscreti per lavorare concentrato senza distrazioni e soprattutto senza scocciatori nei dintorni.

A proposito, sapete dove scolpìì il David?

Proprio dov’è oggi il Museo dell’Opera del Duomo, sul lato destro di Santa Maria del Fiore. Così quando vi capiterà di visitare questo meraviglioso museo che fra le altre opere custodisce anche la mia Pietà Bandini, vi ricorderete che proprio in quei locali diedi forma al colossale David.

Annunci

Il 13 settembre del 1501 quindi cominciai a metter mano a scalpello e martello per realizzare quella che continua a essere anche oggi una delle sculture più celebri e ammirate in assoluto: il David.

La prima cosa che feci fu togliere un certo nodo di marmo che il blocco aveva all’altezza del petto.

Annunci

Chissà perché lo scultore che aveva tentato di tirarci fuori qualcosa prima di me, aveva lasciato quella sporgenza proprio lì: valli a capire certi artisti.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

The David: the contract for its realization

The day after the Assumption of the Virgin into heaven, on August 16, 1501, I signed the contract for the construction of the David with the guild of the Wool Guild, at the time the financier of the Opera di Santa Maria del Fiore.

“… ad faciendum et perficiendum et perfece finendumquendam hominem, vocatum gigantem, abozatum, rachiorum novem ex marmore, existentem in dicta opera, olim abozatum per magistrum Augustinum (…) de florentia et male abozatum …”.

The contract was drawn up in Latin, as was the case with official documents at the time. But I didn’t know Latin and never even wanted to learn it. Over time, I demanded that all contracts be written in the vernacular to allow those who could read to understand what was written on them. Even in my day there were few people who could read and write, let alone those who knew the language of the learned. It was indeed a language for scholars, princes and popes.

The salary agreed in the contract was very modest: we explicitly speak of 6 florins a month for a job that would last for two years.

The fact is that shortly after I started to put my hand on that block and showed what I could get out of it, I wanted to change the contract to get a higher salary. From an agreed total of 140 florins I went to a total of 200 florins.

I didn’t immediately start working on marble after signing the contract, but I started working with subbia and hammer in September. It was not a whim but that date had been specified in the margin of the contract in an apostille:

“Incepit dictus Michelangelus laborare et sculpire dictum gigantem die 13 septembris 1501 ed die lunede mane, quamquam prius videlicet die 9 eiusdem uno vel duobus ictibus scarpelli substulisset quoddam nodum quem habebat in pectore: sed dicta die incepit die firm dicta et fortier die lune summo mane “

I didn’t like it that everyone came to see what I was doing and I wanted high masonry walls to be built around the construction site. I much preferred to stay away from prying eyes to work concentrated without distractions and above all without annoying people around.

By the way, do you know where David sculpted?

Right where the Opera del Duomo Museum is today, on the right side of Santa Maria del Fiore. So when you happen to visit this wonderful museum which among other works also houses my Pietà Bandini, you will remember that in those rooms I gave shape to the colossal David.

On 13 September 1501, therefore, I began to work with a chisel and hammer to create what continues to be one of the most famous and admired sculptures of all today: the David.

The first thing I did was to remove a certain marble knot that the block had at chest height.

Who knows why the sculptor who had tried to get something out of it before me, had left that ledge right there: go to understand certain artists.

For the moment, your Michelangelo Buonarroti greets you by giving you an appointment at the next posts and on social networks.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

Ultime dal blog

Annunci

Giovanni Boldini e il mito della Belle Époque in mostra ad Asti

🇮🇹Genio della pittura che più di ogni altro ha saputo restituire le atmosfere rarefatte di un’epoca straordinaria, Boldini è pronto a trasportare il pubblico nelle sue opere nella mostra allestita a Palazzo Mazzetti di Asti.
🇬🇧A genius of painting who more than any other has been able to restore the rarefied atmospheres of an extraordinary era, Boldini is ready to transport the public to his works in the exhibition set up at Palazzo Mazzetti in Asti.

Le Opere del Natale: la Natività di Gesù di Giotto

🇮🇹Emozionante, dolcissima e ricca di significati, la Natività di Gesù affrescata da Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova, è una delle opere dedicate al Natale più conosciute al mondo…
🇬🇧Exciting, very sweet and full of meanings, the Nativity of Jesus frescoed by Giotto in the Scrovegni Chapel in Padua is one of the best known works dedicated to Christmas in the world…

La Porta dei Cornacchini con la Madonna policroma

🇮🇹Durante il restauro Porta del Cornacchini del duomo di Santa Maria del Fiore, è stato possibile capire che il gruppo scultoreo della Madonna col Bambino e gli Angeli adoranti un tempo era policromo.
🇬🇧During the restoration of the Porta del Cornacchini of the cathedral of Santa Maria del Fiore it was possible to understand that the sculptural group of the Madonna with Child and the adoring Angels was once polychrome.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: