Vai al contenuto

Il David: il contratto per la sua realizzazione

Il giorno dopo l’Assunzione in cielo della Vergine, il 16 agosto del 1501, sottoscrissi il contratto per la realizzazione del David con la corporazione dell’Arte della Lana, al tempo finanziatrice dell’Opera di Santa Maria del Fiore.

“…ad faciendum et perficiendum et perfece finendumquendam hominem, vocatum gigantem, abozatum, rachiorum novem ex marmore, existentem in dicta opera, olim abozatum per magistrum Augustinum(…) de florentia et male abozatum…”.

Il contratto fu redatto in latino, come avveniva per i documenti ufficiali all’epoca. Io però mica lo sapevo il latino e mai nemmeno volli impararlo. Con il passare del tempo pretesi che tutti i contratti venissero scritti in lingua volgare per consentire a chi sapeva leggere di poter capire cosa ci fosse scritto sopra. Già ai miei tempi era poca la gente che sapeva leggere e scrivere, figuriamoci quelli che conoscevano la lingua dei dotti. Era appunto una lingua per eruditi, principi e papi.

Annunci

Il salario pattuito nel contratto era assai modesto: si parla esplicitamente di 6 fiorini al mese per un lavoro che si sarebbe protratto per due anni.

Fatto sta che poco dopo aver cominciato a metter mano a quel blocco e mostrato quello che potevo tirarne fuori, volli modificare il contratto per ottenere uno stipendio maggiore. Da un compenso complessivo di 140 fiorini pattuiti passai a un totale di 200 fiorini.

Non cominciai immediatamente a metter mano al marmo dopo aver siglato il contratto ma di subbia e martello iniziai a lavorare a settembre. Non fu un capriccio ma tale data era stata specificata a margine del contratto in una postilla:

“Incepit dictus Michelangelus laborare et sculpire dictum gigantem die 13 settembris 1501 ed die lunede mane, quamquam prius videlicet die 9 eiusdem uno vel duobus ictibus scarpelli substulisset quoddam nodum quem habebat in pectore: sed dicta die incepit firmiter et fortier laborare, dicta die 13 et die lune summo mane”

Annunci

Non m’andava a genio che venissero a vedere tutti ciò che stavo facendo e volli fossero fatte realizzare attorno al cantiere delle alte pareti in muratura. Preferivo di gran lunga stare al riparo da sguardi indiscreti per lavorare concentrato senza distrazioni e soprattutto senza scocciatori nei dintorni.

A proposito, sapete dove scolpìì il David?

Proprio dov’è oggi il Museo dell’Opera del Duomo, sul lato destro di Santa Maria del Fiore. Così quando vi capiterà di visitare questo meraviglioso museo che fra le altre opere custodisce anche la mia Pietà Bandini, vi ricorderete che proprio in quei locali diedi forma al colossale David.

Annunci

Il 13 settembre del 1501 quindi cominciai a metter mano a scalpello e martello per realizzare quella che continua a essere anche oggi una delle sculture più celebri e ammirate in assoluto: il David.

La prima cosa che feci fu togliere un certo nodo di marmo che il blocco aveva all’altezza del petto.

Annunci

Chissà perché lo scultore che aveva tentato di tirarci fuori qualcosa prima di me, aveva lasciato quella sporgenza proprio lì: valli a capire certi artisti.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

Ultime dal blog

Annunci

25 settembre 1595: a Ponte Vecchio arrivano gli orafi

Ponte Vecchio è noto e apprezzato in tutto il mondo per il suo inconfondibile aspetto con gli edifici costruiti sopra le tre arcate ma anche perché proprio lì sopra, da secoli, sono presenti le più prestigiose e antiche botteghe orafe della città.

Il Perseo del Cellini

Da secoli il Perseo del Cellini se ne sta lì davanti alla Loggia dei Lanzi mostrando nella mano sinistra la testa appena mozzata di Medusa e nell’altra la spada sguainata. Con i piedi sopra il suo corpo oramai esanime, mostra a tutti come ha vinto grazie allo scudo che gli donò Atena, l’unica mortale delle tre Gorgoni.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: