Vai al contenuto

Gli elmi

Gli elmi zoomorfi, con forme assai fantasiose erano tema ricorrente nel disegni, nella pittura e nella scultura del Quattrocento. Basta pensare a quelli più noti di Leonardo da Vinci e dal suo maestro, il Verrocchio.

Sebbene ebbi illustri predecessori nell’arte di rappresentare elmi, più che ai loro preziosi modelli mi lasciai ispirare dall’arte antica.

Annunci

Cimentandomi nella rappresentazione di elmi complessi, presi a modello quelli un po’ più sobri anche se utilizzare la parola sobrietà in un contesto fatto di teste di drago, ali di pipistrello, scimmie e pennacchi pare bizzarro.

Nelle raffigurazioni antiche degli elmi zoomorfi, non erano previsti fronzoli accessori né il lato ironico che invece affrontò Leonardo. Ne è un mirabile esempio la testa di Ades nella necropoli di Tarquinia che vedete a seguire.

Testa di Ades all’interno della Tomba dell’Orco nella necropoli di Tarquinia
Annunci

Il foglio con gli studi degli elmi che vi propongo era assai noto ai miei contemporanei e alle generazioni immediatamente successive alla mia. Ne esistono infatti numerose copie sparse per mondo come quella conservata a Dublino, nella Galleria Nazionale d’Irlanda.

Annunci

Questi studi di teste ed elmi sono probabilmente da mettere in relazione con la Battaglia di Cascina. Almeno uno dei guerrieri di quel grande gruppo, portava un elmo e questi potrebbero essere gli studi fatti per arrivare alla sua realizzazione.

Annunci

Il foglio in questione appartiene da lungi alle collezioni del Museo del Louvre.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti per il momento vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

The helmets

Zoomorphic helmets, with very imaginative shapes, were a recurring theme in drawings, painting and sculpture of the fifteenth century. Just think of the best known ones by Leonardo da Vinci and by his master, Verrocchio.

Although I had illustrious predecessors in the art of representing helmets, I let myself be inspired by ancient art rather than their precious models.

Experimenting with the representation of complex helmets, I took the slightly more sober ones as a model, although using the word sobriety in a context made up of dragon heads, bat wings, monkeys and plumes seems bizarre.

In the ancient depictions of zoomorphic helmets, there were no accessory frills or the ironic side that instead faced Leonardo. An admirable example is the head of Ades in the necropolis of Tarquinia that you see below.

The sheet with the studies of the helmets that I propose to you was well known to my contemporaries and to the generations immediately following mine. In fact, there are numerous copies around the world such as the one preserved in Dublin, in the National Gallery of Ireland.

These studies of heads and helmets are probably related to the Battle of Cascina. At least one of the warriors of that large group wore a helmet and these could be the studies done to arrive at its realization.

The sheet in question belongs long ago to the collections of the Louvre Museum.

Always your Michelangelo Buonarroti greets you for the moment by giving you an appointment to the next posts and on social networks.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

Ultime dal blog

Annunci

Giovanni Boldini e il mito della Belle Époque in mostra ad Asti

🇮🇹Genio della pittura che più di ogni altro ha saputo restituire le atmosfere rarefatte di un’epoca straordinaria, Boldini è pronto a trasportare il pubblico nelle sue opere nella mostra allestita a Palazzo Mazzetti di Asti.
🇬🇧A genius of painting who more than any other has been able to restore the rarefied atmospheres of an extraordinary era, Boldini is ready to transport the public to his works in the exhibition set up at Palazzo Mazzetti in Asti.

Le Opere del Natale: la Natività di Gesù di Giotto

🇮🇹Emozionante, dolcissima e ricca di significati, la Natività di Gesù affrescata da Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova, è una delle opere dedicate al Natale più conosciute al mondo…
🇬🇧Exciting, very sweet and full of meanings, the Nativity of Jesus frescoed by Giotto in the Scrovegni Chapel in Padua is one of the best known works dedicated to Christmas in the world…

La Porta dei Cornacchini con la Madonna policroma

🇮🇹Durante il restauro Porta del Cornacchini del duomo di Santa Maria del Fiore, è stato possibile capire che il gruppo scultoreo della Madonna col Bambino e gli Angeli adoranti un tempo era policromo.
🇬🇧During the restoration of the Porta del Cornacchini of the cathedral of Santa Maria del Fiore it was possible to understand that the sculptural group of the Madonna with Child and the adoring Angels was once polychrome.

Annunci
Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: