Vai al contenuto

Quando il carrettiere si rubò i miei formaggi

Era il gennaio del 1549 e me ne stavo a Roma, indaffarato con il progetto della Basilica di San Pietro che m’aveva affidato papa Paolo III Farnese.

Ogni tanto il mi nipote Lionardo mi inviava formaggi da Firenze, vino e altre prelibatezze. A volte faceva di testa sua scegliendo quello che già sapeva avrebbe incontrato i miei gusti e altre volte ero io a chiedergli nello specifico alcuni prodotti.

Come sapete ero assai parco nel mangiare però c’erano alcune specialità che amavo. Erano tipiche della mia terra natìa e quando le assaporavo mi sapevano di casa… mi pareva di tornar fanciullo.

Annunci

Capitò una volta che Lionardo mi mandò per un carrettiere dei saporiti formaggi, tanto saporiti che probabilmente il fattorino decise di mangiarseli oppure li vendette a chissà chi, strada facendo. Mandai più volte un uomo di fiducia alla dogana per vedere se quei caci fossero arrivati. Niente da fare: parevano spariti nel nulla.

Me li sarei mangiati volentieri piano piano, la sera davanti al focolare con un bicchier di vino per scaldare lo stomaco e lo spirito in quel gelido inverno.

Roma, 31 Gennaio del 1549

Lionardo, il cacio che tu m’ài mandato, io ò avuto la lectera, ma non ò già avuto il cacio; credo che ‘l mulactiere che l’à portato là l’abbi venduto a qualcun altro, perché ò mandato più volte alla Dogana per esso.

Decto mulactiere à trovato mille favole e à dato tante parole, che se n’è andato in modo che io dubito che e’ non sia un tristo. Però non mi mandar più niente, che m’è più noia che utile.

Della casa m’avisasti, se è quella di quegli da Gagliano, come risposi a la tua, mi par da torla, come ti scrissi, perché m’è lodata assai. Circa il tor donna, stamani ò uno aviso di più fanciulle che s’ànno a maritare chredo che sia un sensale quello che scrive, benché non vi mecta il nome suo e decto aviso te lo mando in questa, acciò, se no n’ài notitia, tu lo intenda, e io per quest’altra ti scriverrò il parer mio, perché ora non ò tempo. Non mostrare a nnessuno che io t’abbi mandato il decto aviso.

Michelagniolo Buonarroti in Roma.A Lionardo di Buonarr[o]to Simoni in Firenze.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi racconti e le sue lettere.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Quando diventai maggiorenne

Essere maggiorenni ai tempi miei era una questione molto diversa da quella dei vostri tempi. Era il momento in cui i figlioli si potevano emancipare dal padre ottenendo la piena indipendenza giuridica.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

1 commento »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: