Vai al contenuto

Le meravigliose tarsie lignee di Lorenzo Lotto a Bergamo

Oggi vi porto assieme a me alla scoperta delle superbe tarsie lignee disegnate da Lorenzo Lotto e realizzate poi da Giovan Francesco Capoferri fra il 1524 e il 1532.

Per vedere con i vostri occhi questi capolavori realizzati con un’incredibile maestria, dovrete entrare nella cattedrale di Santa Maria Maggiore a Bergamo Datemi il tempo di sedervi e vi racconto perbenino la storia di quella commissione che vide coinvolti i due artisti prima citati.

L’incontro fra Lorenzo Lotto e Giovanni Francesco Capoferri

Giovanni Francesco Capoferri era figliolo di una famiglia di falegnami. Nacque a Riva di Solto e qualche anno dopo, nel 1421, fu mandato a bottega dall’intarsiatore Damiano Zambelli che in quel momento era alle prese con i lavori per il coro di San Domenico.

Fu proprio in quella chiesa che Lorenzo Lotto ebbe modo di vedere il ragazzo al lavoro e gli parve assai dotato. Gli affidò subito la realizzazione di una tarsia raffigurante una Annunciazione che avrebbe dovuto presentare al Consorzio della Misericordia per ottenere una commissione assai importante: quella della realizzazione del coro di Santa Maria Maggiore.

Annunci

La tarsia realizzata da Capoferri fu subito appressata e i Consiglieri vollero lui per realizzare l’opera che Lotto avrebbe disegnato. Non solo: quel talento straordinario aveva bisogno di essere stimolato così i Consiglieri inviarono il giovane ragazzo nelle botteghe dei più grandi intarsiatori del momento di Bologna, Parma, Verona e Pavia.

Capoferri tornò più consapevole delle proprie possibilità e non volle limitarsi a realizzare tarsie prospettiche molto in voga al moment, ma scelse di realizzare delle vere e proprie pitture con differenti essenze di legno, spesso costituite da un fondo di noce con intarsi di acero.

Giuditta
Annunci

Il programma iconografico delle tarsie venne studiato dall’erudito fra Girolamo Terzi e come accennato prima, a Lorenzo Lotto spettò di disegnare le trentasei immagini diverse che poi Giovan Francesco Capoferri intarsiò con una cura maniacale dei dettagli.

Un lavoro molto complesso e assai simbolico che intreccia temi religiosi e archetipi pagani. Alle storie bibliche vengono associate metafore dell’alchimia e concetti tipici della filosofia neoplatonica.

o ha elaborato un sincretismo fra temi religiosi e archetipi pagani, fra concetti spirituali e temi profani, così che alle storie bibliche si sono congiunte metafore dell’Alchimia, figure care all’Ermetismo, suggestioni della mitologia greco-romana e concetti della filosofia neoplatonica.

Allegoria del sacrificio di Caino e Abele

I Consiglieri si resero conto che il lavoro era davvero mirabile e decisero di commissionare a Lotto e al Capoferri anche la realizzazione dei coperchi che avrebbero protetto le tarsie. Lotto intuì che poteva pretendere un compenso maggiore ma gli fu negato.

S’arrabbiò parecchio e aveva pure ragione: il lavoro si paga. Lorenzo caparbiamente affermò che non avrebbe profilato le tarsie, ovvero non avrebbe rifinito a bulino le opere aggiungendo dettagli appena uscite dalle mani del collega. Siccome però i Consiglieri del Consorzio della Misericordia non smettevano di fargli pressioni affinché finisse il lavoro in maniera degna, si scocciò ( e chi non lo sarebbe stato al suo posto?) e scappò. Ecco perché poi la profilatura venne poi eseguita da Ludovico da Mantova nel 1530.

Allegoria del sacrificio di Melchisedek

Quando ci sarà di nuovo la possibilità di spostarsi e viaggiare, non dimenticate di entrare nella chiesa di Santa Maria Maggiore a Bergamo per ammirare queste meravigliose tarsie lignee.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

18 gennaio 2021: riaprono i Musei del Bargello

Finalmente una bellissima notizia: domani 18 gennaio riapriranno i battenti al pubblico tutti i Musei del Bargello

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: