Vai al contenuto

Per l’altru’ fiate a consolar mi vieni

Felice spirto, che con zelo ardente,
vecchio alla morte, in vita il mio cor tieni,
e fra mill’altri tuo diletti e beni
me sol saluti fra più nobil gente;
    come mi fusti agli occhi, or alla mente,
per l’altru’ fiate a consolar mi vieni,
onde la speme il duol par che raffreni,
che non men che ‘l disio l’anima sente.
    Dunche, trovando in te chi per me parla
grazia di te per me fra tante cure,
tal grazia ne ringrazia chi ti scrive.
    Che sconcia e grande usur saria a farla,
donandoti turpissime pitture
per rïaver persone belle e vive

1 commento »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: