Vai al contenuto
Annunci

Tutti a venerare il Mosè

Il mio Mosé ha un po’ a che fare col San Giovanni di Donatello. Ha un’espressione vagamente somigliante anche se il mio è meno statico. Decisi di scolpire Mosé nel momento in cui scese dal monte Sinai, dopo aver ricevuto i dieci comandamenti da Dio. Trovò il suo popolo intento a venerare un nuovo idolo pagano: ecco il perchè dello sguardo così torvo.

“Dove ha tanta difficultà la scultura, son condotti sottilissimamente piumosi, morbidi, et sfilati d’una maniera, che pare impossibile che il ferro sia diventato pennello”; così scrisse il Vasari parlando del mio Mosé. Nelle Vite racconta anche che gli ebrei romani avevano l’abitudine di andare ad adorare l’opera mia ogni sabato, nonostante si trovasse all’interno di una chiesa cattolica.

Il sempre vostro Michelangelo e i sui racconti

maxresdefault (1)

Annunci

1 commento »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: