Vai al contenuto

Artisti e viaggiatori di fine ‘500: tutti pazzi per la Sagrestia Nuova

A partire dal 1545, anno in cui il Tribolo iniziò a sovrintendere ai lavori della Sagrestia Nuova, furono in molti quelli videro le mie sculture là dentro.

Anton Francesco Doni, a un amico in partenza per Firenze nel lontano 1549, consigliò di vedere la “Sagrestia di Michelangelo, et abbiate avvertenza non vi rapire in estasi nel considerare quelle figure di marmo, et di non vi transmutare in pietra. Non pure fa meravigliare gli spiriti, ma rubba l’anime di coloro che la mirano”.

Christian Maidana aurora b
L’Aurora in una foto di Christian Maidana
Annunci

La Sagrestia Nuova con la sua architettura ma soprattutto con le sculture che da secoli la caratterizzano, nella seconda metà del Cinquecento divenne un punto di ritrovo per artisti e viaggiatori. S’era sparsa la voce fosse un luogo meraviglioso, imperdibile e da vedere almeno una volta nella vita.

L’incisore olandese Cornelis Cort, molto noto al tempo per aver tradotto in incisione molte opere di Raffaello, venne incaricato da Cosimo I de’ Medici di realizzare una serie di incisioni raffiguranti proprio le tombe dei Medici, oggi conservate presso il Gabinetto delle Stampe e dei Disegni degli Uffizi.

70 - Federico Zuccari, Artisti nella Sagrestia nuova (1575-79), Louvre, Parigi
Artisti nella Sagrestia Nuova di Federico Zuccari. Museo del Louvre, Parigi
Annunci

Dopo l’istituzione dell’Accademia delle Arti e del Disegno, avvenuta nel 1563, la Sagrestia Nuova divenne un po’ il luogo preferito dagli artisti non solo per studiare dal vero le opere mie ma anche per celebrare le solennità accademiche.

Federico Zuccari realizzò un paio di disegni nella Sagrestia che ben evidenziano il via vai di persone interessate all’arte. Quello che vi ho appena mostrato si trova al Louvre.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi racconti

 

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Soffrivo di calcoli renali

I calcoli renali per anni mi hanno tormentato. Ai miei tempi si chiamava il male della renella ma sempre di calcoli si trattava. Ci furono un paio di momenti particolarmente difficili durante i quali non potetti fare a meno di fermarmi e interrompere momentaneamente i lavori agli affreschi della Cappella Paolina.

Pontremoli e il Museo delle Statue Stele

“Unica chiave e porta della Toscana”: così veniva appellato non a caso il borgo di Pontremoli nel Medioevo. È il comune più a Nord di tutta la regione Toscana e si pensa possa essere stata un tempo l’antica Apua, la capitale della civiltà dei Liguri Apuani.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

1 commento »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: