Skip to content
Annunci

La mia ultima lettera

L’ultima lettera che scrissi di mano mia fu quella indirizzata al mio caro nipote Lionardo, recante la data del 28 gennaio del 1563. In quelle poche righe lo ringraziai per avermi mandato dei formaggi di sua senza che glie li avessi richiesti: in fondo aveva un buon cuore quel ragazzo. Stringere una penna fra le dita per scrivere con una grafia decifrabile era diventato faticoso. Mi destreggiavo meglio con martello e scalpello che con la scrittura alla fine del corso della vita mia. Gli acciacchi aumentavano giorno dopo giorno, se non di numero di intensità.

Lionardo ricevette successivamente poi un’altra carta ma che scrisse Daniele da Volterra: io solo misi la firma in calce. Daniele la scrisse solo quattro giorni prima che morissi pregando il mnipote mio di venir presto al mio capezzale prima che fosse troppo tardi. E in effetti Lionardo arrivò a Roma solo poco dopo che me ne ero andato io.

Roma, 28 Gennaio 1563

Lionardo, ebbi la tua ultima con dodici marzolini begli e buoni te ne ringratio, rallegrandomi del vostro buon essere, e ‘l simile è di me. E avendo ricevuto pel passato più tua, e non avendo risposto, è mancato perché la mano non mi serve; però da ora inanzi farò scrivere altri e io soctoscriverò. Altro non m’achade.Di Roma, a dì 28 di dicembre 1563.Io Michelagniolo Buonarroti.

A Lionardo di Buonarroto Simoni in Firenze.

michelangelo-slave-face.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: