Skip to content
Annunci

Mie dura sorte e mie fortuna avversa

 L’alma, che sparge e versa
di fuor l’acque di drento,
il fa sol perché spento
non sie da loro il foco in ch’è conversa.
    Ogni altra aita persa
saria, se ‘l pianger sempre
mi resurge al tuo foco, vecchio e tardi.
    Mie dura sorte e mie fortuna avversa
non ha sì dure tempre,
che non m’affligghin men, dove più m’ardi;
tal ch’e’ tuo accesi sguardi,
di fuor piangendo, dentro circumscrivo,
e di quel c’altri muor sol godo e vivo.

Il vostro Michelangelo Buonarroti che stamani inizia la giornata in versi per far salir una temperatura troppo bassa per le sue vecchie ossa infreddolite.

14713603_578053965717052_5523506352446047769_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: