Vai al contenuto

La testa di Cleopatra

La Testa di Cleopatra è uno dei disegni più belli e suggestivi conservati presso Casa Buonarroti a Firenze. Appartiene al gruppo denominato – Presentation Drawing – così definito da Johannes Wilde per identificare i fogli ideati non per qualche progetto concreto ma per essere regalati a persone a me care. In particolare questa testa la realizzai per il mio amato Tommaso de’ Cavalieri che ebbi modo di conoscere a Roma nel 1532.

Annunci

Tommaso regalò questa opera nel 1562 al duca Cosimo I de’ Medici. Ero ancora vivo in quel frangente e il Cavalieri non avrebbe certo voluto privarsi di un dono così importante. Fu tuttavia costretto dalle fortissime pressioni del duca a cederlo ma lo recapitò a Firenze assieme a una lettera assai dolorosa nella quale dichiarava che, privarsi della Cleopatra mia, equivaleva alla straziante perdita di un figlio. Successivamente, nel 1614, la Cleopatra venne donata dal successore Cosimo II a Casa Buonarroti.

cleo.jpg

L’opera fu sottoposta a un accurato restauro nel 1988 che permise di eliminare il contro fondo che portò alla luce sul verso un altro disegno mio sempre relativo alla Cleopatra. Questo secondo disegno è meno rifinito e dettagliato del primo e, sebbene presenti un’identica acconciatura e altre invenzioni simili all’altro disegno decisamente più noto, il suo volto ha un’espressione assai drammatica.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi disegni

Cleopatra’s head

Cleopatra’s head is one of the most beautiful and evocative designs kept at Casa Buonarroti in Florence. It belongs to the group called – Presentation Drawing – so defined by Johannes Wilde to identify the sheets designed not for some concrete project but to be given away to people dear to me. In particular, I created this head for my beloved Tommaso de ‘Cavalieri whom I met in Rome in 1532.

Tommaso gave this work in 1562 to Duke Cosimo I de ‘Medici. I was still alive in that moment and the Knights would not have wanted to deprive themselves of such an important gift. However, he was forced by the strong pressure of the duke to surrender it but he delivered it to Florence together with a very painful letter in which he declared that depriving himself of my Cleopatra was equivalent to the excruciating loss of a son. Subsequently, in 1614, the Cleopatra was donated by the successor Cosimo II to Casa Buonarroti.

images (1).jpg
Annunci

The work was subjected to a careful restoration in 1988 that allowed the elimination of the countertop that brought to light another design of mine, always related to Cleopatra. This second design is less refined and detailed than the first and, although there is an identical hairstyle and other inventions similar to the other definitely better known design, his face has a very dramatic expression.

Your always Michelangelo Buonarroti and his drawings.

Annunci

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

19 agosto 1579: l’inaugurazione degli affreschi della cupola del Brunelleschi

🇬🇧Il 19 agosto del 1579 con una grande cerimonia religiosa pubblica furono inaugurati gli affreschi realizzati dal mio caro amico Giorgio Vasari e Federico Zuccari all’interno della cupola del Brunelleschi…
🇬🇧On August 19, 1579, the frescoes painted by my dear friend Giorgio Vasari and Federico Zuccari inside Brunelleschi’s dome were inaugurated with a large public religious ceremony…

Salire sulla Cupola di San Pietro: tutto quello che bisogna sapere

🇮🇹A un passo dal cielo: è questo ciò che mi viene in mente quando penso all’altezza che si raggiunge salendo scalino dopo scalino fino a raggiungere il tamburo della Cupola di San Pietro…
🇬🇧One step away from heaven: this is what comes to mind when I think of the height that can be reached by climbing step by step until you reach the drum of St. Peter’s Dome…

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: