Casa Buonarroti: tutto quello che avreste sempre voluto sapere o quasi

Se abitate a Firenze o ci siete capitati almeno una volta nelle vesti di visitatori attenti, non vi sarà sfuggita la presenza della mia dimora: Casa Buonarroti. A dire il vero oramai quella da secoli non è più casa mia, risiedo perennemente dentro la Chiesa di Santa Croce ma questa è un’altra storia.

Casa Buonarroti si trova al numero 70 di via Ghibellina, proprio all’angolo con via Buonarroti. In antichità via Michelangelo Buonarroti era nota col nome di via dei Marmi Sudici come ancora si può leggere su una targhetta apposta all’inizio della strada. Eh si, quei marmi sudici lì attendevano sempre che ci mettessi mano per cavarne fuori qualcosa di bello. Sempre preso in mille cose fra Firenze e Roma quei blocchi si sporcavano di polvere, fango e altra roba.

Torniamo però al filo del discorso. Mi conosco abbastanza per fermarmi in tempo prima di fare esagerate divagazioni sul tema.

Nella zona della città dove ora c’è casa mia, avevo acquistato nel lontano 1508 tre terreni nemmeno troppo grandi sui quali erano state edificate in tempo precedenti altrettante case più una molto piccola. Successivamente comprai un altro edificio attiguo: correva l’anno 1514. Le prime due case le affittai mentre nelle altre due che erano un po’ messe meglio, vi abitai fra il 1516 e il 1525.

Già a metà del 1525 quelle case lì erano tutte affittate: mica potevo lasciarle così, senza che mi fruttassero qualcosina, no?

Il mi nipote Lionardo, unico erede maschio, alla fine cedette alle mie pressioni e si sposò con una Ridolfi per darmi degna discendenza. Si impegnò anche a fare qualche piccolo lavoro di ristrutturazione ma poca roba… tanto alla fine anche i soldi serviti per recuperare qualche muro pericolante erano i miei!

Queste case arrivarono alla fine nelle mani di Michelangelo Buonarroti il Giovane, uno dei figli di Lionardo. Quella fu davvero una gran bella fortuna. Lui era un grande letterato, un uomo di teatro colto e di spiccata intelligenza. Non solo ampliò il fondo immobiliare ma proprio a lui si deve l’accorpamento degli stabili. Quelle casette divennero un palazzo e furono chiamati i più grandi artisti del tempo a decorarlo come l’Empoli, Artemisia Gentileschi, il Passignano ma anche Giovanni da San Giovanni, il Vignali e Franessco Furini.

Attualmente presso casa Buonarroti potete ammirare alcuni miei bozzetti ma anche opere giovanili molto importanti quali La Battaglia dei Centauri e La Madonna della Scala. Casa Buonarroti ospita poi la più grande collezione di miei disegni esistente anche se purtroppo, per ovvie ragioni conservative, non può essere esposta in maniera permanente.

Insomma, se vi capiterà di tornare a Firenze non dimenticate di passare da casa mia. Casa Buonarroti a Firenze vi aspetta con i suoi tesori e le sue tante meraviglie da scoprire poco a poco. Gustatevela con calma: la troppa fretta vi farebbe perdere il gusto di notare dettagli pregevoli.

IMG_20150605_132530

Annunci

One thought on “Casa Buonarroti: tutto quello che avreste sempre voluto sapere o quasi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...