Sansone e Dalila

Questo disegno lo iniziai adoperando il carboncino e lo terminai a sanguigna. E’ uno di quelli non troppo noti che probabilmente ancora non v’era capitato di vedere da nessuna parte.

Sansone è il personaggio semi-sdraiato a terra che pare assumere la posa del mio Dio Fluviale visibile presso Casa Buonarroti. Ha dimensioni assai maggiori di quelli di Dalida che pare assai più aggraziata e minuta.

Lei si sta alzando mentre leva un braccio al cielo. In mano probabilmente stringe i capelli tagliati di Sansone e li mostra come segno di vittoria. I capelli non li disegnai però la loro presenza è parecchio intuibile.

Guardate bene il viso di lui: non è un volto ideale ma un ritratto vero e proprio. Di chi? Scopritelo voi. Fatto sta che il Bramante gli somigliava parecchio. Quell’uomo lì non m’è mai andato a genio: ha sempre tramato contro di me, ne son sicuro quanto son sicuro d’esser morto stecchito. M’avrebbe voluto veder morto e se me ne scappai da Roma in un certo momento della mia vita, un po’ fu anche colpa sua.

Sansone e Dalila è un disegno che realizzai attorno al 1530, anno più anno meno. Come tanti altri fogli miei non sono visibili al pubblico ed è conservato preso la Pierpont Morgan Library di New York.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti che se oggi non smette di bere caffè dubito che riuscirà a chiudere occhio per i quattro giorni successivi.

IMG_20160517_114909

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...