Vai al contenuto

Tristo lume per il Cristo della Minerva

Il Frizzi che ben mi conosceva, avrebbe voluto che il Cristo della Minerva fosse posizionato in un luogo ben illuminato dalla luce naturale e a un’altezza che permettesse ai fedeli di vederlo nel migliore dei modi possibili.

Vi dice niente il nome Frizzi? Vi ricordate chi era? Il Cristo Portacroce lo scolpii nel  mio stanzone di via Mozza a Firenze. Prima di ultimarlo lo inviai a Roma e volli che a completarlo fosse il mio collaboratore Pietro Urbano. Le cose non andarono come sperai. Gli tolsi l’incarico dopo il 6 settembre 1521 mi scrisse e lo affidai proprio nelle mani di Federigo Frizzi. Certo con il marmo rimasto non avrebbe potuto far miracoli ma un’aggiustata tutto sommato riuscì a dargliela anche se, quella scultura così conciata, non mi piaceva proprio più.

Al nome di Dio. A dì 10 di marzo 1519 (1519 anno fiorentino, 1520 anno romano)

Amicco charisimo, avisovi chome meser Bernardo Cenci m’à mostro una vostra letera, per la quale voi l’avisate che faci riccapito a me, cioè de l’ornamento de la statua che voi avete fatto.

Io ve ne ringrazio per le mile volte; e chosì vi priego che, se io son buono a chosa nesuna per voi, che voi mi ccomandiate, ché io non arei al mondo magior piacere che di far chosa che vi fusi grata. Meser Bernardo mi mostrò la misura de la figura, cioè l’alteza, una certa linia sette volte tanto, che fa l’alteza di nove palmi de la misura romana, chomputando lo ‘nbasamento, che è l’alteza di quatro dita. Tutta la statua, cho lo ‘nbasamento, è alta palmi nove.

E siàno andati insieme, el veschovo de’ Porchari e meser Bernardo e Mettelo Porchari, ne la Minerva; e ànomi mostro e’ luogo dove la vogliono murare, cioè in quela facciata de la chiesa a presso a la porta che va nel chiostro.

Annunci

Dicce v’è un tristo lume, per la qual chosa io ne gl’ò schonfortati, e ògli chonsigliati che la metino in una di quele cholone, o pilastri che si sieno, de la nave di mezo, perché v’è un buon lume; e loro ne son contenti. E per anchora no s’è terminato el modo del tabernaccolo. Io ne ò fato loro una mostra e ò promeso di farne anchora de l’altre, e fo pensiero di fare ‘1 vano del tabernaccolo largo palmi quatro, chredendo che basti. E per esere la statua più veduta, penso di fare ‘1 tabernaccolo pocco chavato. Meser Metello Porchari m’à detto più volte che io ve n’avisi, e che arebe gran piacere di sapere quando la figura sarà a Roma...”

Il Cristo Portacroce attese ancora un po’ di tempo prima di poter essere in terra romana e Metello scalpitava per averla. Oramai erano trascorsi da lungi i quattro anni in cui avrei dovuto scolpire l’opera.

Annunci

Come andò a finire la questione del posizionamento? In quel frangente ancora ero a Firenze e non avevo visto né l’opera rilavorata né il luogo della collocazione finale.

Il Frizzi mi scrisse diverse lettere per tenermi sempre aggiornato prima e dopo aver lavorato al Cristo della Minerva. In una volle precisare che alla fine chi di dovere aveva deciso di sistemare l’opera non nel luogo che il Frizzi aveva indicato perché sarebbe stata meglio illuminata dalla luce naturale ma da un’altra parte che non rendeva giustizia al gioco di luci e ombre che avrei voluto io.

Perché scelsero una posizione diversa da quella consigliata dal Frizzi? Non è dato sapere e anche lui non ne comprese il perché.

Annunci

“E per darvi aviso de la figura, cioè de l’esere in opera, el’è mesa a prèso a l’altare grande, – cioè la ccapela grande è in mezo infra ‘1 Sagramento e la figura -, in uno di quegli pilastri che regono la volta de la chapela, e non à u’ lume a modo mio. In quelo pilastro, che io vi schrisi già, de la nave di mezo, v’era uno buono lume.

Per quelo che non ve l’abino voluta metere, io no lo so. Io la volevo metere in opera a una certa alteza ch’e’ piedi venisino a pari de l’ochio, e chosì feci una certa predela per posamento; e non avevo veduto la figura, pensando che la fusi grande tanto quanto mi diceva Pietro, che diceva che l’era grande tanto quanto la ccasa.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • Io Canova: la nuova mostra dedicata al genio europeo

    Io Canova: la nuova mostra dedicata al genio europeo

    🇮🇹In occasione dei 200 anni dalla morte di Antonio Canova, i Musei Civici di Bassano del Grappa ospitano una grande mostra a lui dedicata: “Io Canova, genio europeo”… 🇬🇧On the occasion of the 200th anniversary of Antonio Canova’s death, the Civic Museums of Bassano del Grappa are hosting a large exhibition dedicated to him: “Io Canova, European genius”…

  • Quando si pensò di mettere il David nella Cappella dei Principi

    Quando si pensò di mettere il David nella Cappella dei Principi

    🇮🇹Sapete che ci fu un momento in cui il David rischiò di essere posto al centro della Cappella dei Principi? Uno smacco per me e pure per i Medici… vi racconto quell’incredibile storia 🇬🇧Do you know that there was a moment when the David risked being placed in the center of the Chapel of the Princes? A setback for me and also for the Medici … I’ll tell you that incredible story

  • Il Commesso Fiorentino: la storia e le caratteristiche di quest’antica arte

    Il Commesso Fiorentino: la storia e le caratteristiche di quest’antica arte

    🇮🇹Sembra impossibile che le pietre possano essere adoperate per creare decorazioni così minute e di grande effetto eppure il commesso fiorentino è una sorta di pittura con pietre dure: qualcosa di unico e un vanto tutto fiorentino… 🇬🇧It seems impossible that stones can be used to create such minute and impressive decorations, yet the Florentine salesman is a kind of painting with semi-precious stones: something unique and a Florentine pride…

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: