Vai al contenuto

Il podere di Pozzolatico e la sua resa

La mia mania d’annotar tutto era nota ai miei tempi e continua a esserlo anche oggi.

Se son giunti fino a voi alcuni dettagli sulla mia vita e sul mio modo di affrontare i rapporti con le persone che mi stavano vicine, con i committenti, i collaboratori e il parentato, è dovuto proprio al fatto che ci tenevo particolarmente a metter nero su bianco un po’ tutto quello che riguardava i fatti più pratici.

A seguire vi riporto alcune annotazioni che scrissi il 23 luglio del 1525 riguardo al podere che avevo a Pozzolatico, una località nel comune di Impruneta, in provincia di Firenze.

Il piede del Giorno
Annunci

In quelle poche righe volli annotare quanto ogni anno mi corrispondevano Giovanni e Ventura di Michele, i due mezzadri che sul terreno lavoravano e lo mantenevano produttivo.

Quel terreno rendeva grano, vino e olio d’oliva, frutta di tanti tipi diversi come mele e fichi, legumi quali ceci, piselli, fave ma anche legna da ardere e biada per foraggiare il bestiame.

Richordo dell’entrate del podere da pazolaticho: del grano sta in secte moggia l’uno anno per l’altro, del vino sta in sessanta barili l’uno anno per l’altro, sta in dua moggia di biada, dell’olio sta in venti barili l’uno anno per l’altro. parlasi in tucto d’ongi cosa; delle fructe fa circha dieci duchatu l’anno, di legnie sta in dua chataste l’anno.

E’ pacti che ci sono in su deto podere chon Giovanni e Ventura di Michele, lavoratori, son questi, cioè che tengono a ficto el grano e dannomene tre moggia e mezo l’anno, el vino e ll’olio a mezzo, e cinque duchati l’anno per le frutte che e’ vendono, e uno staio di fave, un quarto di ceci, e tre staia di fichi secchi, e dua bigoncie di mele, un mezo quarto di lente, un mezo quarto di pisegli.

L’altro piede del Giorno
Annunci

El grano l’àanno a dar chondocto qui; ànno a portare dieci some l’anno a mia ‘letione, a mia gabella. Le potature di vite, d’ulivi o altro a mmezzo.

Resta a dare decto lavoratore dell’anno passato lire cinque mancho soldi tre, e dell’anno presente oggi, ventitrè di luglio 1525 resta a dare duchati cinque delle fructe, el grano, che sono tre moggia e mezo, e l’olio, che me ne tochò barili venti secte a tredici fiaschi.

Del litame e’ pacti sono che decto lavoratore l’abi a pagare mezo quella quantità che vi si porterà. A portare delle fructe, quanto ve n’è.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • La Madonna del Latte del Rossellino che nessuno guarda…o quasi

    🇮🇹Proprio davanti alla mia tomba monumentale, nella Basilica di Santa Croce, c’è un’opera straordinaria di Antonio Rosellino che in pochi ahimè degnano d’uno sguardo: è la Madonna del Latte. Do you know who it was carved for? 🇬🇧Right in front of my monumental tomb, in the Basilica of Santa Croce, there is an extraordinary work by Antonio Rosellino which, alas, few deserve a glance: it is the Madonna del Latte. Do you know who it was carved for?

  • Christie’s: battuto all’asta per 23milioni di Euro il mio disegno giovanile

    🇮🇹Oggi pomeriggio è stato battuto all’asta da Christie’s a Parigi il mio disegno giovanile inedito che realizzai probabilmente quando me ne andavo spesso a studiare dal vero i superbi affreschi di Masaccio e Masolino nella Cappella Brancacci. 🇬🇧This afternoon, my unpublished early drawing was auctioned at Christie’s in Paris, which I probably created when I often went to study the superb frescoes by Masaccio and Masolino in the Brancacci Chapel from life.

  • Premio Friends of Florence 2022: assegnato a Nathalie Ravanel per restaurare 119 dipinti

    🇮🇹La VI edizione del prestigioso Premio Friends of Florence è stato assegnata oggi a Nathalie Ravanel per il restauro della collezione di 119 dipinti su pith paper del Museo Stibbert di Firenze. 🇬🇧The VI edition of the prestigious Friends of Florence Prize was awarded today to Nathalie Ravanel for the restoration of the collection of 119 paintings on pith paper of the Stibbert Museum in Florence.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: