Vai al contenuto

I ladri nel mio stanzone di Via Mozza

Sapete che anch’io ebbi a che fare con i ladri? Ebbene si, riuscirono a entrare nel mio stanzone di Via Mozza a Firenze e a far razzia. Sedetevi comodi che vi racconto questa storia dal principio.

Il 24 novembre del 1518, per un costo di 113 fiorini larghi d’oro, acquistai un terreno in Via Mozza a Firenze, quella che oggi si chiama via San Zanobi. Nel febbraio del 1519 acquistai un altro paio di terreni lì vicino.

Annunci

Nel dicembre intanto avevo già principiato i lavori per far realizzare quello che poi non esitai a definire stanzone. Era grande assai: pensate che aveva una superficie di circa 200 metri quadrati.

Il costo dell’acquisto lo caricai nelle spese della facciata della Basilica di San Lorenzo. No, non feci il furbo così era stabilito da contratto.

Ò a ordine qua una bella stanza, dov’io potrò rizare venti figure per volta; non la posso coprire perché in Firenze non ci è legniame e no ne può venire se e’ non piove. E non chredo oramai e’ piova ma’ più, se non quando m’arà a far qualche danno

Così scrissi a Leonardo Sellaio il 21 dicembre del 1518
Annunci

Insomma, in quello stanzone avrei potuto lavorare venti grandi sculture, tutte assieme.

Lì però accadde un fatto singolare.

Tre mesi prima che cominciasse l’assedio di Firenze dell’ottobre del 1529, con degli scalpelli qualcuno riuscì a scassinare la serratura. Entrò e rubò cinquanta disegni, alcuni dei quali realizzati per le Tombe dei duchi Medici più quattro modelli di sculture che ora come ora non mi ricordo più se fossero in argilla o in cera.

Fu un duro colpo per me.

Annunci

La questione però si risolse per il meglio. Il Vasari riporta che quella refurtiva fu recuperata nei giorni a seguire dagli Otto di Guardia. Antonio Mini annotò quell’increscioso accaduto. Vi riporto lo scritto integrale a seguire.

Inanzi l’asedio di 3 mesi fa fu rotta la zanza di Michelagnolo in via Moza chon gli ischarpegli, e fuvi tollti circha a 50 chartte di ficcure; e infra le dette charte v’erano le sipurture de’ Medici e di molti disengni di gran valutta; e fuvi ttoltti di mo’ quarttro ficchure di ciera e di ttera.

E di detti giovani vi lanciorno, che no se n’avedano, uno fero che aveva per sengnio un M, che fu quella che gli scchoperse. Subbito che si vindano inschoperti, s’andorno, ovvero si naschosano e mandorno a dire che rendebano e’ disengli e modegli, si perdonasi loro.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

Annunci

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Il Peccato di Konchalovsky: è gratis online

Ho il piacere di comunicarvi che finalmente è possibile vedere gratuitamente online il film su di me Il Peccato, per la regia di Andrei Konchalovsky.

Cappella Sistina: ecco il presepe 2021

Il 1 dicembre è stato svelato il nuovo presepe allestito all’interno della Cappella Sistina, ideato e realizzato da Giuseppe Passeri ed Eva Antulov. È il terzo presepe artistico che i due grandi talenti realizzano con la loro fantasia, esperienza, passione smisurata e dedizione per la cappella magna

L’antica Farmacia di Santa Maria Novella

A pochi passi dalla Basilica di Santa Maria Novella, al numero 16 di Via della Scala, c’è una delle più antiche farmacie esistenti e che continua a lavorare incessantemente: è l’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: