Vai al contenuto

Cappella Sistina: quando non volli aggiungere oro

Dopo quattro anni di lavori alla volta della Sistina, finalmente portai a compimento l’opera.

Papa Giulio II della Rovere non esitò a inaugurarla in grande stile. Fece allestire un banchetto degno di un sovrano rinascimentale invitando un gran numero di prelati e le autorità più in vista dell’epoca.

Annunci

Era contento sì del gran capolavoro che feci ma doveva sempre dir la sua come se la sua autorità venisse meno senza la sua opinione non richiesta. Voleva aggiungessi più oro per rendere gli affreschi più preziosi. Figuriamoci un po’: avrei dovuto rimontare tutti i ponteggi per arrivare fin lassù ad applicare la foglia d’oro. Dopo anni di tribolazioni mi sarei dovuto rimettere al lavoro come se non avessi avuto altre opere da portare avanti.

E poi perché dopotutto? Per far contento il papa?

Dipinsi umili genti. Non avrebbe avuto gran senso applicare oro in abbondanza attorno a coloro che in vita sempre sprezzarono le ricchezze terrene, accumulando tesori in Paradiso.

Le due mani più famose del mondo
Annunci

Il Vasari nelle Vite riportò l’accaduto in questi termini: “Il Papa vedendo spesso Michelagnolo gli diceva: “Che la cappella si arrichisca di colori e d’oro, ché l’è povera”. Michelagnolo con domestichezza rispondeva: “Padre Santo, in quel tempo gli uomini non portavano addosso oro, e quegli che son dipinti non furon mai troppo ricchi, ma santi uomini, perch’egli sprezaron le ricchezze”

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Ecco cosa risposi al Re di Francia

Non mi sarebbe dispiaciuto lavorare anche per il Re di Francia Francesco I ma il tempo non mi bastava nemmeno per portare a termine i lavori che avevo già in carico.

Soffrivo di calcoli renali

I calcoli renali per anni mi hanno tormentato. Ai miei tempi si chiamava il male della renella ma sempre di calcoli si trattava. Ci furono un paio di momenti particolarmente difficili durante i quali non potetti fare a meno di fermarmi e interrompere momentaneamente i lavori agli affreschi della Cappella Paolina.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: