Vai al contenuto

21 ottobre 1556: muore a Venezia l’Aretino Pietro

Qui giace l’Aretin, poeta Tosco,
che d’ognun disse mal, fuorché di Cristo,
scusandosi col dir: “Non lo conosco”!

Con questa epigrafe lo studioso Paolo Giovio volle ricordare l’Aretino Pietro, scomparso il 21 ottobre del 1556 a Venezia. Come dargli torto? Il suo dir male di questo e di quello non era mai a caso comunque eh. Ne so qualcosa anch’io. Ebbi molto a discutere con lui. S’era messo in testa di volere a tutti i costi un disegno mio e mi scriveva in continuazione per convincermi a cedergli qualcosa.

Annunci

I disegni miei li davo a chi volevo, non certo a chi con insistenza me li chiedeva. Oltretutto nemmeno m’andava tanto a genio: era un franco tiratore. Per vendetta si scagliò contro il mio Giudizio Universale. Sarà stato pure un intellettuale a modo suo ma corretto non lo fu mai con nessuno nemmeno con sé. Vi ho raccontato tempo fa per filo e per segno quella storia QUA.

Annunci

Spregiudicato come pochi, l’Aretino non si fece gran che amare dai suoi contemporanei. Conosciuto per aver scritto componimenti assai licenziosi come i Sonetti Lussuriosi, iniziò ad essere apprezzato dall’ambiente ecclesiastico per aver scritto testi a contenuto religioso.

Insomma, era un personaggio assai strano e controverso, che parlava male o bene di qualcuno se poteva averne un torna comodo.

Il libro

Se volete conoscere per filo e per segno la vita di Pietro Aretino, vi consiglio il libro scritto da Sberlati. L’appellativo di infame che s’è guadagnato nel corso della vita è assai azzeccato ma ciò nonostante fu un personaggio molto influente e apportò il suo contributo allo sviluppo del Rinascimento.

Il libro lo trovate QUA. Il sempre vostro Michelangelo e i suoi racconti

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5.00 €

Ultimi Articoli

Antonio Natali racconta Rosso Fiorentino e il Pontormo: ecco il VIDEO

Se anche da voi è caldo e non avete il coraggio di mettere il naso fuori di casa prima che le temperature comincino a scendere sul far della sera, vi propongo un’interessante conferenza di Antonio Natali…

I singolari studi per un cavallo

🇮🇹Non era mio interesse disegnare, dipingere né tantomeno scolpire animali. Certo ci sono delle eccezioni nella mia produzioni artistica come questi studi di cavalli…

🇬🇧It was not my interest to draw, paint or sculpt animals. Of course there are exceptions in my artistic productions such as these horse studies…

Torna visibile il pavimento della cattedrale di Siena

🇮🇹Lo stupefacente pavimento della cattedrale di Siena torna ad essere visibile al pubblico.
Realizzato in commesso marmoreo e graffito ha tante storie da raccontare a chi lo osserva: una per ogni tarsia.

🇬🇧The astonishing pavement of the Siena cathedral is once again visible to the public.
Made in marble and graffiti, it has many stories to tell to the observer: one for each inlay.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: