Vai al contenuto

La Fontana di Piazza della Rotonda

La Fontana di Piazza della Rotonda si trova al centro dell’omonima piazza, proprio davanti al Pantheon. L’incessante scrosciare delle sue acque rinfresca nella stagione più calda l’aria rendendo più piacevole la sosta anche sotto il solleone.

Annunci

Il progetto originario

Nel 1570 fu portato a termine il restauro dell’acquedotto dell’Acqua Virgo e vennero avviati i lavori per effettuare ramificazioni secondarie per raggiungere le aree del Campo Mazio, a quel tempo fa le più popolate di tutta Roma. Di conseguenza il pontefice in carica si premurò di far progettare numerose fontane.

La Fontana della Rotonda fu commissionata da papa Gregorio XIII a Giacomo della Porta nel 1575. L’architetto disegnò il progetto che poi fu eseguito dallo scultore Leonardo Sormani.

Giacomo della Porta ideò una vasca quadrangolare con i lati lobati in marmo bigio. L’acqua scaturiva direttamente dal catino centrale e dai mascheroni posti ai lati. Quei mascheroni erano direttamente ispirati agli stessi che Della Porta stava preparando su disegno mio per il Palazzo dei Conservatori, a Piazza del Campidoglio.

Sul retro di queste figure erano posizionati dei draghi che non erano altro che lo stemma araldico del papa committente Gregorio XIII Boncompagni.

Annunci

Le modifiche successive

Cosa è rimasto oggi del progetto originario di Giacomo della Porta? La vasca. Infatti già nel 1662 il piano della piazza fu ribassato e i gradini progettati dall’architetto furono eliminati. Al loro posto venne realizzato il grande basamento mistilineo che vedete ancora oggi che prevedeva dal lato del Pantheon cinque gradini mentre dal lato opposto solo due per compensare la pendenza della piazza.

Successivamente, nel 1711, papa Clemente XI Albani volle far aggiungere l’obelisco di Ramses II che era stato rinvenuto alla fine del XIV secolo e messo dinnanzi alla chiesa di San Macuto. L’obelisco ancora oggi è sostenuto dal complesso scultoreo realizzato da Filippo Barigioni. La scogliera di travertino, i delfini e gli stemmi degli Albani sono tutti di quel periodo così come le iscrizioni mirate a celebrare le modifiche volute da papa Clemente XI.

Annunci

Sebbene non sia chiaro il motivo, i mascheroni originali furono rimossi nel 1880 e portati a Villa Borghese. Sei anni più tardi furono sostituiti con copie.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi racconti delle cose più belle da vedere nella città eterna.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Il cartone dell’Epifania in restauro al British Museum

🇮🇹Al British Museum sono in corso i lavori di restauro del mio cartone dell’Epifania, uno dei pochissimi arrivati indenni o quasi fino ai vostri giorni. Sarà un restauro abbastanza complesso e impegnativo che proseguirà fino al maggio 2024…
🇬🇧At the British Museum, the restoration work is underway on my Epiphany cartoon, one of the very few that arrived undamaged or almost up to your day. It will be a fairly complex and demanding restoration that will continue until May 2024…

Le Opere del Natale: La Natività del Caravaggio

🇮🇹L’opera del Natale che vi propongo oggi è un dipinto trafugato nel 1969: la Natività con i Santi Lorenzo e Francesco d’Assisi del Caravaggio…
🇬🇧The work of Christmas that I propose today is a painting stolen in 1969: the Nativity with Saints Lorenzo and Francis of Assisi by Caravaggio…

Giovanni Boldini e il mito della Belle Époque in mostra ad Asti

🇮🇹Genio della pittura che più di ogni altro ha saputo restituire le atmosfere rarefatte di un’epoca straordinaria, Boldini è pronto a trasportare il pubblico nelle sue opere nella mostra allestita a Palazzo Mazzetti di Asti.
🇬🇧A genius of painting who more than any other has been able to restore the rarefied atmospheres of an extraordinary era, Boldini is ready to transport the public to his works in the exhibition set up at Palazzo Mazzetti in Asti.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: