Vai al contenuto

Io e Michelangelo

Oggi vi propongo un altro libro che vale la pena leggere. Se seguite questo blog, con molta probabilità siete degli appassionati di me e innamorati delle mie opere. Ecco, chi potrebbe meglio di altri raccontarvi da vicino i capolavori più celebri se non i restauratori che li hanno riportati a una buona leggibilità?

IO E MICHELANGELO è l’ultimo libro scritto da Gianluigi Colalucci, il capo restauratore degli affreschi fatti da me nella Cappella Sistina. Il restauro del secolo, come venne venne chiamato dalla stampa, viene narrato dalla voce diretta di chi lo ha eseguito con l’aiuto del suo straordinario team.

Colalucci racconta i quattordici anni di lavoro: dalla prima prova di pulizia fatta quasi per caso al restauro dei brani più celebri come le dita che si sfiorano di Adamo e Dio nella volta e i volto del Cristo nel Giudizio Universale.

Annunci

Se pensate sia un saggio asettico e scritto solo per gli addetti ai lavori, siete sulla strada sbagliata. Non solo è un libro scritto molto bene ma ogni pagina trasuda passione, amore e un’indiscutibile professionalità.

Leggendo questo volume conoscerete dettagli singolari dei miei affreschi, trucchi scenici e invenzioni pittoriche alquanto inusuali che è possibile comprendere solo guardando a distanza ravvicinatissima le pennellate lasciate sull’intonaco umido.

Colalucci, raccontando la sua impresa, si mette a nudo rivelando anche timori, perplessità, arrabbiature e critiche che hanno cercato di screditare l’operato suo e della sua piccola squadra di restauratori formata da Maurizio Rossi, Pier Giorgio Bonetti, Bruno Baratti…si, avete capito bene: quattro uomini per restaurare uno dei più grandi capolavori dell’arte ovviamente supportati da uno storico dell’arte d’eccellenza, alias Fabrizio Mancinelli e da un cospicuo team di altri lavoratori coinvolti nelle indagini scientifiche.

io_e_michelangelo_1.jpg
Annunci

IO E MICHELANGELO vi farà emozionare, questo è poco ma sicuro. È un po’ come ritrovarsi lassù sui ponteggi e guardare con gli occhi de restauratore ciò che si prospetta dinnanzi, rivivendo le stesse emozioni che provò allora Gianluigi Colalucci.

Vi propongo le prime righe della premessa…se volete leggere il resto, vi dovrete comprare il libro cliccando QUI.

526747148.jpg

“Ho scritto tanto sul restauro degli affreschi di Michelangelo in Cappella Sistina, che mai avrei immaginato di poterne scrivere ancora. Ho scritto per rendere pubblici argomenti tecnici destinati agli addetti ai lavori. Ma di recente, dopo tanto tempo, ho capto che questa storia lunga quattordici anni si poteva raccontare anche in un altro modo. Un modo personale in cui poter mettere qualcosa di me, dei miei sentimenti, essendo io colui che per varie ragioni viene identificato con quel restauro….”

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti per il momento vi saluta, augurandovi buona lettura.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

Ultime dal blog

Annunci

Torna visibile il pavimento della cattedrale di Siena

🇮🇹Lo stupefacente pavimento della cattedrale di Siena torna ad essere visibile al pubblico.
Realizzato in commesso marmoreo e graffito ha tante storie da raccontare a chi lo osserva: una per ogni tarsia.

🇬🇧The astonishing pavement of the Siena cathedral is once again visible to the public.
Made in marble and graffiti, it has many stories to tell to the observer: one for each inlay.

La mia ammirazione per la Giunone Cesi

🇮🇹Ecco come ebbi modo di vedere la Giunone Cesi e di innamorarmene la prima volta che andai a Roma…
🇬🇧Here’s how I got to see Giunone Cesi and fall in love with her the first time I went to Rome …

La Pietà Vaticana e il mio primo fornitore di marmi

🇮🇹Il mio primo viaggio alla volta di Carrara lo intrapresi nell’autunno del 1497. Avevo 22 anni e fu quello il primo contatto con i luoghi di estrazione dei preziosi marmi che mi servivano per dar corpo alle opere mie.
🇬🇧I made my first trip to Carrara in the autumn of 1497. I was 22 and that was the first contact with the places where the precious marbles that I needed to give substance to my works were extracted.

Annunci

6 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: