Le traduzioni che non posso fare

A cadenza quotidiana mi arrivano messaggi privati e pubblici, sia sul blog che sulla pagina Facebook, relativi alle traduzioni dei testi. C’è chi mi chiede di tradurre in spagnolo ciò che scrivo e chi preferirebbe leggere i post in russo o in portoghese, chi in inglese e chi smette di seguirmi perché non scrivo in giapponese o in francese.

A parte il fatto che non so tutte le lingue del mondo e non intendo impararle nei secoli a venire soprattutto per mancanza di tempo ma, se anche le sapessi, non mi basterebbero le ventiquattro ore del giorno per accontentare tutti.

Il mio alter ego si diverte a darmi voce ma ha anche altri impegni quotidiani che non può tralasciare come ad esempio il lavoro, quello pagato intendo. Sicuramente chi mi chiede con insistenza di tradurre non leggerà questo post e continuerà a chiedermi la medesima cosa con nonchalance. C’è chi lo fa con educazione e mi sta benissimo e chi invece oserei dire con prepotenza e non mi sta affatto bene.

Mettetevi l’animo in pace, scrivo nella lingua di Dante. Se un giorno mai il mio alter ego troverà uno sponsor tanto generoso da permettergli di lasciare il lavoro per dedicarsi a tempo pieno a questo blog allora probabilmente potreste vedere scritti i post anche in altri idiomi.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e le traduzioni che non può fare

er

Annunci

3 thoughts on “Le traduzioni che non posso fare

  1. Ti scrivo da Barcellona. Non devi tradurre nulla. Su internet ci sono traduttore automatici che funzionano abbastanza bene. Scusa il mio italiano, non l’ho mai studiato ma mi piace molto la lettura.

    Liked by 1 persona

    • Il suo italiano va più che bene, non ha da scusarsi. Ho scritto questo post e ogni tanto lo ripropongo perché mi arrivano continuamente messaggi, sia in privato che sotto ai post sulla pagina FB, di persone che chiedono la traduzione. Chiedere con educazione è più che lecito e di solito rispondo ma pretendere con insistenza e arroganza la traduzione pensando di averne diritto chissà poi per quale ragione, mi pare un po’ troppo. La ringrazio per seguirmi e per il suo gradito messaggio

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...