I velluti dei cardinali in mezzo al polverone del cantiere

Era l’11 maggio del 1508 quando incaricai il capomastro Pero Rosselli di togliere a colpi di piccone il cielo stellato oramai rovinato di Piermatteo d’Amelia.

La strada da percorrere era ancora lunga e tutta in salita. Quell’intonaco che stava venendo via a pezzi presto sarebbe stato sostituito dalle storie della Genesi. Il 27 di luglio Rosselli, con l’aiuto di una squadra di operai, aveva già completato a stesura dell’arriccio. Potevo quindi iniziare a metter mano agli affreschi della volta che mi avrebbero tenuto impegnato per parecchio tempo e rovinato la salute per il resto dei miei giorn

Nei mesi impiegati per togliere gli affreschi precedenti e stendere il nuovo intonaco, le funzioni religiose non vennero mai interrotte e gli operai continuarono il loro lavoro indisturbati. Non fu certo la polvere dell’intonaco che cadeva giù a pezzi, il polverone o il frastuono che c’era dentro alla Sistina a far detenere gli uffici liturgici.

Giulio II non era certo propenso a interrompere il processo che avrebbero legato il suo nome per sempre alla cappella più importante di tutta la cristianità. Era così impaziente di vedere la sua commissione terminata!

Pensate in po’ quanto fu strano vedere entrare nella Cappella Sistina tutti gli alti prelati abbigliati a festa in occasione della Pentecoste: i loro tonaconi di sete preziose, velluti, tessuti damascati e merletti pregiati in mezzo a un cantiere con tanto di polverone e pezzi di intonaco ovunque.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi aneddoti

CappellaSistina

Advertisements

One thought on “I velluti dei cardinali in mezzo al polverone del cantiere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...