Vai al contenuto

La Roma della Repubblica. Il racconto dell’archeologia ai Musei Capitolini

Apre i battenti a Roma la nuova mostra dedicata ai caratteri e alle trasformazioni della società romana nel corso di cinquecento anni: dalla Repubblica fino alla creazione dell’Impero dal titolo “La Roma della RepubblicaIl racconto dell’archeologia“.

Dal 13 gennaio fino al 24 febbraio 2023, ai Musei Capitolini nelle sale di Palazzo Caffarelli, accoglieranno il progetto espositivo articolato in tre sezioni che proporrà ai visitatori oltre 1800 opere fra le quali manufatti in bronzo, pietra locale, in rari casi marmo, soprattutto terracotta e ceramica.

Vetrina deposito votivo Minerva Medica. @Musei Capitolini/ foto Zeno Colantoni
Annunci

Grande importanza viene data al colore, restituito come proposta fondata sull’analisi delle terrecotte che un’attenta opera di ricomposizione consente di attribuire ad articolati moduli decorativi.

La maggior parte dei reperti visibili abitualmente non sono esposti al pubblico. Non sono poche le opere che fino al momento sono state conservate nelle casse dell’Antiquarium, per la prima volta sottoposte a un attento restauro e messe in mostra.

Al materiale pertinente alle collezioni dell’Antiquarium viene aggiunta una selezione di opere appartenenti alla Centrale Montemartini come per esempio l’urna in marmo dall’Esquilino, la piccola scultura di capro in bronzo da via Magenta e i resti di affresco dalla Tomba Arieti.

Maschera in bronzo @Musei Capitolini/ foto Zeno Colantoni
Annunci

Dal settore museale del Campidoglio proviene infine una selezione di ritratti di età tardo-repubblicana, in parte esposti nelle sale dei Musei Capitolini, in parte solitamente conservati nei magazzini.

Il progetto, a cura di Isabella Damiani e Claudio Parisi Presicce e promosso da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con l’organizzazione Zètema Progetto Cultura, costituisce il secondo capitolo (dopo la mostra La Roma dei Re, 2018) del grande ciclo “Il Racconto dell’Archeologia”, basato principalmente sulle collezioni di proprietà comunale conservate nei magazzini e nei musei della Sovrintendenza.

Rilievo in avorio Tomba Arieti @Musei Capitolini/ foto Zeno Colantoni
Annunci

SANTUARI E PALAZZI

La sezione più consistente dal punto di vista quantitativo del percorso della mostra, propone i resti archeologici che testimoniano le fasi costruttive, le caratteristiche artigianali e il livello artistico degli edifici templari sul Campidoglio e nel Campo Marzio.

Di grande impatto, per la proposta ricostruttiva con i colori originari, sono le lastre di rivestimento di Largo Argentina databili tra la seconda metà del IV secolo a.C. e la metà del I secolo a.C. Nel caso del Campidoglio, inesauribile fonte di informazioni, accanto alla ricostruzione del monumentale frontone di età repubblicana del Tempio di Giove Ottimo Massimo, vengono presentati per la prima volta, insieme ai materiali del già noto deposito votivo della Protomoteca, i contesti votivi venuti in luce con i lavori per la costruzione della Galleria di Congiunzione.

Un complesso di materiali a lungo ignorato e finora noto solo attraverso singoli elementi di particolare livello artistico è costituito dai resti di 11 figure in terracotta rinvenuti nell’Ottocento presso la via Latina.

Grazie a una lunga attività di studio, restituzione grafica, restauro integrativo dei frammenti originali con tecnologie di rilievo 3D, di scultura digitale e stampa 3D, è ora possibile proporre la Triade Capitolina, Giove, Giunone e Minerva, da ricollocare idealmente entro uno spazio frontonale. Si tratta di un altissimo esempio di coroplastica databile all’inizio del I secolo a.C.

Triade Capitolina @Musei Capitolini/ foto Zeno Colantoni
Annunci

resti delle domus patrizie del Campidoglio invece sono testimoniati da frammenti di pavimenti decorati con schemi geometrici quali fasce rettangolari, croci e rombi realizzati con tessere bianche e nere o con pietre variopinte.

PRODUZIONI E COMMERCI

La ceramica offre una chiave di lettura importante. Questo materiale ha lasciato tracce molto più durevoli rispetto ai prodotti della lavorazione del legno o dei metalli che costituivano comunque un posto d’onore nella vita cittadina.

L’esposizione racconta le tappe di sviluppo dell’artigianato di qualità che si sviluppa nel corso dei secoli IV e III con nuove produzioni come le stoviglie interamente verniciate, sia in rosso sia in nero e il vasellame decorato a figure rosse.

Testa di Giunone Via Latina @Musei Capitolini/ foto Zeno Colantoni
Annunci

MANIFESTAZIONI DI IDENTITÀ, PRESTIGIO E ASCESA SOCIALE

Sono tanto gli oggetti ma anche i simboli attraverso i quali alcune categorie sociali volevano comunicare l’alto status raggiunto o rimarcarne l’antica appartenenza. 

L’autocelebrazione dell’aristocrazia e delle famiglie emergenti trova un importante luogo di espressione, durante l’età repubblicana, nei monumenti funerari posti lungo le vie di accesso alla città, da leggere nel più vasto programma di controllo delle istituzioni e della vita politica cittadina.

Le decorazioni ad affresco della tomba Arieti all’Esquilino con scene legate al combattimento e al trionfo, i gruppi scultorei in pietra da Campo Verano forse appartenenti a un monumento commemorativo, l’urna in marmo greco ancora dall’Esquilino costituiscono testimonianza del rango dei defunti cui erano pertinenti, ma sono anche spunti per valutare caratteri e livello del linguaggio artistico con cui erano espressi.

Capro via Magenta @Musei Capitolini/ foto Zeno Colantoni
Annunci

La mostra La Roma della RepubblicaIl racconto dell’archeologia” vi aspetta dal 13 gennaio fino al 24 febbraio 2023, ai Musei Capitolini nelle sale di Palazzo Caffarelli.

LUOGO: Palazzo Caffarelli – Musei Capitolini

INDIRIZZO: Piazzale Caffarelli

ORARI: tutti i giorni 9.30-19.30. Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura. Chiuso 1° maggio

COSTO DEL BIGLIETTO: Integrato Musei Capitolini + mostre: intero € 16, ridotto € 14 (residenti intero € 15, ridotto € 13), ridotto € 2 per le categorie aventi diritto alla gratuità, ad eccezione degli studenti delle scuole elementari e medie inferiori e dei portatori di handicap e al loro accompagnatore e in occasioni di visite istituzionali

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

The Rome of the Republic. The story of archeology at the Capitoline Museums

The new exhibition dedicated to the characteristics and transformations of Roman society over the course of five hundred years opens its doors in Rome: from the Republic to the creation of the Empire entitled “The Rome of the Republic. The story of archaeology”.

From 13 January to 24 February 2023, at the Capitoline Museums in the halls of Palazzo Caffarelli, they will welcome the exhibition project divided into three sections which will offer visitors over 1800 works including artifacts in bronze, local stone, in rare cases marble, above all terracotta and pottery.

Great importance is given to color, returned as a proposal based on the analysis of the terracottas that a careful work of recomposition allows to attribute to articulated decorative modules.

Most of the artifacts visible are not usually exposed to the public. There are not a few works that have so far been kept in the Antiquarium coffers, for the first time subjected to careful restoration and put on display.

A selection of works belonging to the Centrale Montemartini was added to the material pertaining to the Antiquarium collections, such as, for example, the marble urn from the Esquiline, the small bronze sculpture of a goat from via Magenta and the remains of frescoes from the Arieti Tomb.

Lastly, a selection of portraits from the late Republican period comes from the museum sector of the Capitoline Hill, partly exhibited in the halls of the Capitoline Museums, partly usually kept in warehouses.

The project, curated by Isabella Damiani and Claudio Parisi Presicce and promoted by Roma Culture, the Capitoline Superintendency for Cultural Heritage, with the organization Zètema Progetto Cultura, constitutes the second chapter (after the exhibition La Roma dei Re, 2018) of the great cycle “The Tale of Archaeology”, based mainly on the municipal property collections conserved in the warehouses and museums of the Superintendence.

SANCTUARIES AND PLACES

The most substantial section of the exhibition itinerary from a quantitative point of view offers the archaeological remains that testify to the construction phases, the artisanal characteristics and the artistic level of the Templar buildings on the Campidoglio and in the Campo Marzio.

Of great impact, for the reconstructive proposal with the original colors, are the cladding slabs of Largo Argentina datable between the second half of the 4th century BC. and the middle of the 1st century BC. In the case of the Campidoglio, an inexhaustible source of information, alongside the reconstruction of the monumental pediment of the Republican age of the Temple of Jupiter Optimum Maximus, together with the materials of the already well-known votive deposit of the Protomoteca, the votive contexts that have come to light are presented with the works for the construction of the Conjunction Tunnel.

A complex of materials long ignored and hitherto known only through individual elements of a particular artistic level is made up of the remains of 11 terracotta figures found in the 19th century in the Via Latina.

Thanks to a long study activity, graphic restitution, integrative restoration of the original fragments with 3D relief technologies, digital sculpture and 3D printing, it is now possible to propose the Capitoline Triad, Jupiter, Juno and Minerva, to be ideally relocated within a pediment space . It is a very high example of coroplasty dating back to the beginning of the 1st century BC.

The remains of the patrician domus of the Campidoglio are instead testified by fragments of floors decorated with geometric patterns such as rectangular bands, crosses and rhombuses made with black and white tesserae or with multicolored stones.

PRODUCTION AND TRADE

Ceramics offer an important interpretation. This material has left much more lasting traces than the products of wood or metal working which still had a place of honor in city life.

The exhibition recounts the stages of development of quality craftsmanship that developed over the course of the fourth and third centuries with new products such as fully painted crockery, both in red and black, and crockery decorated with red figures.

MANIFESTATIONS OF IDENTITY, PRESTIGE AND SOCIAL ASCENT

They are both the objects but also the symbols through which some social categories wanted to communicate the high status achieved or to underline their ancient belonging.

The self-celebration of the aristocracy and emerging families finds an important place of expression, during the Republican age, in the funerary monuments placed along the access roads to the city, to be read in the broader program of control of the institutions and of the city’s political life .

The fresco decorations of the Arieti tomb on the Esquiline with scenes related to combat and triumph, the sculptural groups in stone from Campo Verano perhaps belonging to a commemorative monument, the Greek marble urn still from the Esquiline bear witness to the rank of the deceased to which they were pertinent, but they are also starting points for evaluating the characteristics and level of the artistic language with which they were expressed.

The exhibition “The Rome of the Republic. The tale of archeology” awaits you from 13 January to 24 February 2023, at the Capitoline Museums in the halls of Palazzo Caffarelli.

LOCATION: Palazzo Caffarelli – Capitoline Museums

ADDRESS: Piazzale Caffarelli

HOURS: every day 9.30-19.30. Last admission one hour before closing. Closed May 1st

TICKET COSTS: Integrated Musei Capitolini + exhibitions: full €16, reduced €14 (residents full €15, reduced €13), reduced €2 for categories entitled to free admission, with the exception of elementary and lower secondary school students and of the disabled and their companions and on the occasion of institutional visits

For the moment, your Michelangelo Buonarroti greets you by making an appointment for the next posts and on social media.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • 8 febbraio: il Tormento e l’Estasi torna in tv

    8 febbraio: il Tormento e l’Estasi torna in tv

    Il celeberrimo film dal titolo “Il Tormento e l’Estasi” proposto sui grandi schermi per la prima volta nel 1965 e diretto da Carol Reed sta per tornare di nuovo in televisione.

  • Sui ponteggi con Forcellino: il video da Villa Farnesina

    Sui ponteggi con Forcellino: il video da Villa Farnesina

    🇮🇹Prosegue a gonfie vele il restauro che Antonio Forcellino sta conducendo sugli affreschi del Sodoma a Villa Farnesina a Roma. Il noto restauratore ci fa entrare assieme a lui nel cantiere, per… 🇬🇧The restoration that Antonio Forcellino is carrying out on the frescoes by Sodoma at Villa Farnesina in Rome continues at full speed. The well-known restorer lets us enter the construction site with him, to…

  • La Scultura del giorno: l’Odalisca di Pradier

    La Scultura del giorno: l’Odalisca di Pradier

    🇮🇹La scultura del giorno che vi propongo oggi è la sensuale Odalisca di James Pradier, realizzata dall’artista franco-svizzero nel 1841… 🇬🇧The sculpture of the day that I propose to you today is the sensual Odalisque by James Pradier, created by the French-Swiss artist in 1841…

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: