Vai al contenuto

Canova e gli inglesi: la recensione del libro

Quest’anno si celebrano con tutti gli onori del caso i duecento anni dalla morte del grande scultore Antonio Canova, passato a miglior vita in quel di Venezia 13 ottobre del 1822. Per l’occasione sono state allestite mostre, organizzati convegni e sono stati dati alle stampe diversi libri assai interessanti.

Fra questi libri ce n’è uno in particolare del quale voglio parlarvi oggi: Canova e gli inglesi è il libro curato da Alessio Costarelli edito da Silvana Editoriale

Annunci

Gli inglesi, appassionati di ritrattistica pittorica e scultorea, non si invaghirono mai di nessun artista quanto Canova sebbene lui, un po’ come me, non amasse affatto realizzare ritratti.

A partire dal Cinquecento, gli artisti più ricercati dai britannici erano quelli abili nell’immortalare illustri personaggi nei propri lavori.

Annunci

Canova ai busti preferiva di gran lungo le teste ideali che in Inghilterra furono ricercatissime. Il legame profondo dell’artista con gli inglesi viene dipanato in questo volume grazie alla ricerca meticolosa di Alessio Costarelli.

Fra le pagine si ritrovano le importanti committenze, vengono ricostruiti i rapporti dello scultore con i collezionisti, con gli artisti a lui contemporanei e vengono messi a fuoco i legami con gli intellettuali dell’epoca così come viene raccontata la fitta rete di amicizie.

Annunci

Il libro Canova e gli inglesi propone anche un catalogo con la descrizione delle opere compiute e di quelle che mai videro la luce e rimasero ei desideri del committente e nei pensieri dell’artista. Troverete dunque un totale di 64 schede dettagliate e oltre 200 descrizioni di altrettanti personaggi fra politici, aristocratici, artisti e intellettuali rigorosamente britannici che ebbero rapporti con Antonio Canova.

Nel volume sono presenti anche anche quei documenti e quelle lettere che citano persone delle quali ancora non si è scoperta con certezza l’identità.

Annunci

Il libro Canova e gli Inglesi è costato tre anni di intenso lavoro e ricerca all’autore Costarelli che ha vagliato giorno dopo giorno un numero incredibile di documenti conservati in archivi pubblici e privati, alcuni dei quali totalmente inediti.

Quello di Canova con i britannici non è sempre stato però un rapporto felice. Come un fulmine a ciel sereno arrivò il momento della sfortuna critica con Ruskin che prese di mira le sue qualità più grandi: la morbidezza e la grazia.

Gli echi di quella feroce stroncatura non tardarono ad arrivare in Italia.

Fu Longhi che in patria lo criticò definendolo scultore nato morto. Lo percepiva e lo raccontava come freddo, in netto contrasto con la pittura Settecentesca che tanto amava.

Canova e gli Inglesi si aggiunge alla illimitata bibliografia dell’artista, apportando un tassello fondamentale per approfondire e comprendere il complesso rapporto che il grande scultore ebbe con le committenze britanniche ma anche con gli intellettuali della sua epoca.

Canova e gli inglesi

  1. Introduzione
  2. Canova e la Gran Bretagna: estetica, stile e committenza
  3. Canova e gli inglesi tra arte e politica
  4. Canova, la critica e il sentimento nazionale
  5. Canova e le arti in Gran Bretagna
  6. A Canova Library, o della poesia inglese per Canova
  7. Catalogo generale delle opere inglesi di Antonio Canova
  8. Tavole
  9. Regesto bio-bibliografico delle personalità inglesi in rapporto con Canova

Se come me amate Canova e volete conoscerlo più a fondo, questo volume diventa indispensabile. Il libro Canova e gli inglesi a cura di Alessio Costarelli, edito da Silvana Editrice, lo trovate QUA.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • Il Natale ai Musei Vaticani

    Il Natale ai Musei Vaticani

    🇮🇹In occasione del Santo Natale, nelle giornate del 10, del 17 e del 23 dicembre, i Musei Vaticani propongono un’eccezionale visita guidata alla scoperta del Presepe nell’Arte… 🇬🇧On the occasion of Holy Christmas, on 10, 17 and 23 December, the Vatican Museums offer an exceptional guided tour to discover the Crib in Art…

  • Documentario: Macchiaioli, una pittura rivoluzionaria

    Documentario: Macchiaioli, una pittura rivoluzionaria

    Se questo pomeriggio piove anche da voi e volete rimanere in casa a guardare qualcosa di bello e interessante, vi propongo questo interessante documentario dal titolo “Macchiaioli, una pittura rivoluzionaria”.

  • La carta che usavo per disegnare, scrivere lettere e annotare ricordi

    La carta che usavo per disegnare, scrivere lettere e annotare ricordi

    🇮🇹Se è nota la mia dimestichezza nello scegliere i marmi, meno celebre è la mia abilità nell’acquistare la carta che mi serviva quotidianamente per disegnare e scrivere le lettere che inviavo spesso e volentieri a parenti, amici, conoscenti e ai potenti del mondo dell’epoca… 🇬🇧If my familiarity in choosing marbles is known, less famous is my ability to purchase the paper that I needed every day to draw and write the letters that I often and willingly sent to relatives, friends, acquaintances and the powerful of the world of era…

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: