Vai al contenuto

18 febbraio 1564: le mie ultime ore di vita

Confortato dalla lettura della passione di Cristo narrata Vangeli, morii nella casa di Macel de’ Corvi a Roma. Al mio fianco c’erano Daniele da Volterra, Diomede Lioni e il mio amato Tommaso de’ Cavalieri.

Era la sera di venerdì 18 febbraio del 1564 quando lasciai il mondo terreno.

Annunci

Nei giorni prima non ero stato molto bene. Lunedì iniziai ad aver una febbre che non mi lasciava trovar tregua. Non trovavo pace in alcun luogo. Chiesi al mio fedele amico e collaboratore Daniele da Volterra di scrivere al mi nipote Lionardo affinché venisse presto a Roma. Mi sarebbe garbato rivederlo ma sebbene partì subito appena ricevuta ma missiva, arrivò tre giorni dopo la mia morte. “O Daniello, io sono spacciato, mi ti racomando, non mi abbandonar.

Mi accomodai sulla poltrona ben coperto davanti al focolare e rimasi lì un paio di giorni. Poi i miei amici mi portarono fino al letto e di lì non mi rimossi. Tre giorni dopo resi l’anima a Dio.

Annunci

In una lunga lettera inviata al Vasari, Daniele da Volterra descrisse nel dettaglio i miei ultimi giorni.

“Quando samalo, che fu il lunedj dj carnovale, egli mandò per me, come faceva sempre che si sentiva niente; et io ne facevo avisato messer Federigo de Carpi, che subito veniva, mostrando, la venuta fussi a caso, et così feci alotta. Come i vidde disse “O Daniello, io sono spacciato, mi ti racomando, non mi abbandonar“; et fecemi scriver’ una lettera a messer Lionardo suo nipote ch’e dovesse venire, et a me disse, ch’io lo dovessi aspettar’ lì in casa et non mi partissi per niente. io così feci quantunque mi sentissi più male che bene.

Basti, il male suo durò cinque di, due levato al fuoco, et tre in letto: si ch’egli spiro il Venerdì a sera, con pace sua sia, come certo si può credere.

Il Sabato mattina, mentre si dava ordine alla casa et l’altre cose, venne il giudicj con un notaro del governatore da parte del papa, ch’voleva l’inventario dj ciò ch’vera: Al quale non si potè negare; et così fu scritto tutto qui vi si trovo…

Annunci

Vi ringrazio in questa giornata per ricordarvi ancora di me e della vita che condussi. Abbiate cura delle opere mie. Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi racconti.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • La Scultura del giorno: Amore e Psiche di Canova

    La Scultura del giorno: Amore e Psiche di Canova

    🇮🇹La scultura del giorno che vi propongo oggi è una delle più celebri di Antonio Canova: Amore e Psiche. Fu lo stesso artista a realizzarne due versioni, oggi appartenenti al Louvre e all’Ermitage di San Pietroburgo… 🇬🇧The sculpture of the day that I propose to you today is one of the most famous by Antonio Canova: Cupid and Psyche. It was the same artist who created two versions, now belonging to the Louvre and the Hermitage in St. Petersburg…

  • 31 gennaio 1504: il matrimonio di Agnolo Doni e Maddalena Strozzi

    31 gennaio 1504: il matrimonio di Agnolo Doni e Maddalena Strozzi

    🇮🇹Il 31 gennaio del 1504 fu celebrato a Firenze il matrimonio fra Agnolo Doni, appartenente a una ricca famiglia di mercanti di stoffe e Maddalena Strozzi, componente della famiglia di banchieri più importante della città, dopo i Medici… 🇬🇧On January 31, 1504, the marriage between Agnolo Doni, belonging to a rich family of cloth merchants, and Maddalena Strozzi, member of the most important banking family in the city, after the Medici, was celebrated in Florence…

  • Storia di una collezione: i capolavori grafici degli Uffizi salvati. Il libro

    Storia di una collezione: i capolavori grafici degli Uffizi salvati. Il libro

    Cosa sarebbe accaduto all’enorme patrimonio grafico delle Gallerie degli Uffizi se nello scorso secolo, caratterizzato dalle due Guerre Mondiali, non ci fossero stati valorosi soprintendenti?

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: