Vai al contenuto

Biagio da Cesena e i limiti d’azione del papa

Biagio da Cesena, il cerimoniere del papa, volle entrare con Paolo III Farnese nella Sistina per controllare da vicino le pitture del Giudizio Universale. Correva l’anno 1540.

Ancora non avevo portato a termine il mio lavoro ma già avevo affrescato gran parte dell’opera. Biagio iniziò a vaneggiare dicendo che avevo dipinto oscenità in un luogo sacro.

Annunci

Quanto la fece lunga per qualche chiappa al vento e un po’ di piselli all’aria: ma nostro Signore ci mette al mondo forse vestiti? Davvero pensava che colui che ci dona la vita si potesse scandalizzare vedendo dei corpi, frutto del suo amore?

Roba da matti.

Appena girò le spalle e iniziò ad avviarsi verso l’uscita, iniziai a dipingere il suo volto a Minosse, il giudice infernale raccontato anche dal mio amatissimo Dante. Lo posizionai immediatamente sopra la porta d’uscita della Cappella Sistina in modo che tutti lo avrebbero visto avrebbero visto passando di lì.

Annunci

Aggiunsi la serpe che lo avvolge con le sue spire. Con la bocca spalancata gli azzanna il pisello per una ragione ben precisa e non solo perché l’avevo a schifo dopo la critica fatta senza senno dei affreschi. Biagio da Cesena era un sodomita violento e addirittura uccise un ragazzo per soddisfare la sua perversione. Ecco il perché del serpente e del suo insolito gesto.

Il Vasari riportò l’episodio in questi termini: Il papa, “Dimandato quel che glie ne paresse, disse esser cosa disonestissima in un luogo tanto onorato avervi fatto tanti ignudi che si disonestamente mostrano le loro vergogne, e che non era opera della cappella di papa ma da stufe e d’osterie: dispiacendo questo a Michelagnolo e volendosi vendicare, subito che fu partito, lo ritrasse al naturale, senza averlo altrimenti innanzi, nello inferno nella figura di Minos, con una grande serpe avvolta alle gambe, fra un monte di diavoli. Né bastò il raccomandarsi di messer Biagio al papa et a Michelagnolo che lo levassi, che pure velo lassò per quella memoria dove ancor si vede”.

Annunci

Papa Paolo III rispose alle lagne di Biagio da Cesena in codesto modo: “Messer Biagio, voi sapete che io ho potestà in cielo e in terra, però non s’estendendo l’autorità mia nell’Inferno, voi avrete pazienza se io non ve ne posso liberare”.

Queste sono le parole riportare dal Domenichi nel suo volume pubblicato a Firenze nel 1564 dal titolo “Facezie, motti e burle di diversi signori e persone private“.

Esiste un’altra versione del discorso che il pontefice fece al suo cerimoniere: Se Michelangelo t’avesse messo in Purgatorio avrei perlomeno pregato per farti redimere ma all’Inferno tutte le anime son perdute e non c’è niente da fare”.

In poche parole il papa gli rispose per le rime dicendogli che aveva potere di azione in cielo e in terra ma non all’Inferno.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • La malinconia che pervade le opere mie

    🇮🇹Avete mai fatto caso a quella malinconia che pare pervadere l’intimo di molte mie opere? Molti disegni, sculture e affreschi hanno volti permeati da uno stato d’animo di vaga tristezza. 🇬🇧Have you ever noticed that melancholy that seems to pervade the depths of many of my works? Many drawings, sculptures and frescoes have faces permeated with a mood of vague sadness.


  • La Madonna del Latte del Rossellino che nessuno guarda…o quasi

    🇮🇹Proprio davanti alla mia tomba monumentale, nella Basilica di Santa Croce, c’è un’opera straordinaria di Antonio Rosellino che in pochi ahimè degnano d’uno sguardo: è la Madonna del Latte. Do you know who it was carved for? 🇬🇧Right in front of my monumental tomb, in the Basilica of Santa Croce, there is an extraordinary work by Antonio Rosellino which, alas, few deserve a glance: it is the Madonna del Latte. Do you know who it was carved for?


  • Christie’s: battuto all’asta per 23milioni di Euro il mio disegno giovanile

    🇮🇹Oggi pomeriggio è stato battuto all’asta da Christie’s a Parigi il mio disegno giovanile inedito che realizzai probabilmente quando me ne andavo spesso a studiare dal vero i superbi affreschi di Masaccio e Masolino nella Cappella Brancacci. 🇬🇧This afternoon, my unpublished early drawing was auctioned at Christie’s in Paris, which I probably created when I often went to study the superb frescoes by Masaccio and Masolino in the Brancacci Chapel from life.


Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: