Vai al contenuto

6 agosto 1489: viene posata la prima pietra di Palazzo Strozzi

La storia di Palazzo Strozzi ebbe inizio il 6 agosto del 1489 di primo mattino, quando, seguendo le previsioni di un astrologo, fu posata la prima pietra.

Così Palazzo Strozzi nacque sotto il segno del Leone anche se rimane incerto l’architetto del progetto complessivo. Giuliano da San Gallo e Benedetto da Maiano fornirono a Filippo Strozzi un modello ma poi l’intero cantiere passò nelle mani del Cronaca, ovvero Simone del Pollaiolo.

Annunci

Filippo Strozzi ambiva a costruire un prestigioso palazzo che fosse degno della sua casata. Così quando rientrò dall’esilio che gli era stato imposto da Cosimo il vecchio nel 1434, nel 1466, tornò in terra natìa e si fece in quattro per riuscire ad appropriarsi della zona più confortevole della città.

Dopo sedici anni si impossessò della zona occupata tutt’oggi dal grande palazzo che tutt’oggi abbiamo la buona ventura di vedere. Fu allora che ebbe inizio la sua edificazione.

Annunci

Gli Strozzi erano una potentissima e danarosa famiglia fiorentina. Agli inizi del quattrocento possedevano uno dei più redditizi banchi della città. Avevano importanti filiali in tutta Europa e trattavano con re e pontefici senza troppe distinzioni.

Pensate che quanto nel lontano 1343 Firenze impose una prestanza forzosa a tutte le ricche famiglie della città in proporzione al reddito, gli Strozzi furono quelli che dovettero sborsare più palanche. I Medici tirarono fuori 304 fiorini e gli Strozzi 2063.

Annunci

Filippo Strozzi non ebbe modo di vedere il suo sogno concretizzato: morì prima di poter vedere l’opera conclusa. lavori poco a poco furono portati a termine e i suoi figlioli poterono andarci a vivere attorno al 1505.

Annunci

Oggi Palazzo Strozzi è sede di importantissime esposizioni e mostre straordinarie come quella di qualche anno fa dedicata al Verrocchio.

Al momento è in corso una interessante mostra American Art 1961-2001 con le collezioni arrivate direttamente dal Walker Art Center, da Andy Warhol a Kara Walker. A proposito, il catalogo della mostra in corso lo trovate QUA.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi racconti

Ultime dal blog

Annunci

Ecco cosa risposi al Re di Francia

Non mi sarebbe dispiaciuto lavorare anche per il Re di Francia Francesco I ma il tempo non mi bastava nemmeno per portare a termine i lavori che avevo già in carico.

Soffrivo di calcoli renali

I calcoli renali per anni mi hanno tormentato. Ai miei tempi si chiamava il male della renella ma sempre di calcoli si trattava. Ci furono un paio di momenti particolarmente difficili durante i quali non potetti fare a meno di fermarmi e interrompere momentaneamente i lavori agli affreschi della Cappella Paolina.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: