Vai al contenuto

La raffigurazione più celebre di San Pietro

Nella Basilica di San Pietro ci sono molte opere note realizzate nel corso di differenti secoli: basti pensare alla mia Pietà oppure al Baldacchino del Bernini che si innalza al di sotto della grande cupola.

Fra tutte queste opere ce n’è una particolarmente cara ai fedeli: è il San Pietro in bronzo attribuito ad Arnolfo di Cambio e realizzata nel Duecento. Si trova nella navata centrale della Basilica di San Pietro, proprio davanti al pilone di San Longino.

Annunci

E’ la rappresentazione più celebre del Santo in tutta la cristianità. Ha un’altezza di due metri e la cosa strana è che non è un’opera a tutto tondo ma piuttosto un altorilievo che per essere apprezzato al meglio, deve essere guardato frontalmente.

Quest’opera viene venerata da secoli e basta osservare i suoi piedi per rendersene conto. E’ consolidata abitudine baciare e toccare i piedi al Santo o mettere la testa al di sotto del piede che sporge in avanti. Queste pratiche per altro in voga tutt’oggi, hanno consumato talmente tanto i piedi dell’opera da assottigliarli all’inverosimile.

Annunci

La scultura in bronzo rappresenta San Pietro in cattedra in atto di benedire alla maniera greca con la mano destra protesa in avanti e le due dita alzate. Nella mano sinistra invece tiene le chiavi del regno dei Cieli.

Il trono sul cui è assiso è di epoca rinascimentale. Come accennato prima, l’opera tradizionalmente viene attribuita ad Arnolfo di Cambio ma secondo alcuni studiosi, sarebbe stato San Leone I, nel V secolo, a farla realizzare adoperando il bronzo di Giove Capitolino, di ritorno dall’incontro con Attila.

Annunci

Già in epoca medievale, quest’opera era tenuta in grande considerazione e si trovava all’interno del chiostro di San Martino della Basilica Costantiniana. Non appena venne portata a termine la grande cupola della nuova basilica, papa Paolo V volle far portare San Pietro laddove si trova ancora oggi.

Al di sopra della scultura bronzea si vede un grande medaglione realizzato a mosaico che rappresenta Pio IX, sistemato lì nel 1871.

Annunci

Fin dai tempi più remoti, il 29 giugno, in occasione delle celebrazioni di San Pietro e Paolo patroni di Roma, l’opera di Arnolfo di Cambio viene vestita con i paramenti papali color oro e porpora, per ricordare il legame fra il Santo e il pontefice in carica.

Nel mondo esistono diverse copie di San Pietro in cattedra. Una di queste, ad esempio, si trova nella cattedrale di Notre-Dame a Parigi ed è perfettamente identica a quella custodita nella basilica vaticana. Ma questa è un’altra storia.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi racconti

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Il gruppo del Baroncelli e di Paris alla mostra “Donatello. Il Rinascimento”

🇮🇹Nel percorso espositivo della mostra “Donatello. Il Rinascimento” ci si trova faccia a faccia con il Crocifisso, la Madonna e San Giovanni dolenti, San Maurelio e San Giorgio col drago in bronzo e ottone di Niccolò Baroncelli e Domenico di Paris.
🇬🇧In the exhibition itinerary of the exhibition “Donatello. The Renaissance” we come face to face with the Crucifix, the Madonna and San Giovanni dolenti, San Maurelio and San Giorgio with the dragon in bronze and brass by Niccolò Baroncelli and Domenico di Paris.

Palazzo Vecchio: i mobiletti a commesso fiorentino

🇮🇹Girovagando fra un ambiente e l’altro di Palazzo vecchio inevitabilmente ci si ritrova dinnanzi a mirabili mobiletti intarsiati con marmi e pietre dure preziose e semipreziose….
🇬🇧Wandering from one room to another in the Palazzo Vecchio, one inevitably finds oneself in front of admirable cabinets inlaid with marble and precious and semiprecious semiprecious stones….

21 maggio 1972: l’album fotografico a 50 anni dall’attentato alla Pietà Vaticana

🇮🇹Sono ormai trascorsi esattamente cinquant’anni da quando il trentaquattrenne australiano Lazlo Toth inveì con una mazzetta sopra la Pietà Vaticana e per l’occasione voglio proporvi alcune delle immagini più significative di quel momento ma non solo…
🇬🇧 Exactly fifty years have now passed since the thirty-four-year-old Australian Lazlo Toth railed with a bribe over the Vatican Pietà and for the occasion I want to offer you some of the most significant images of that moment but not only …

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

2 Comments »

Rispondi a Michelangelo Buonarroti Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: