Skip to content
Annunci

Konchalovsky: nuove indiscrezioni sul film che mi racconta

C’è grande attesa per il nuovo film Il Peccato. Una Visione che il regista Andrej Konchalovsky ha terminato di girare. Per vederlo proiettato nelle sale bisognerà pazientare ancora un po’. Intanto però qualche indiscrezione vien fuori e son qui per raccontarvela…tanto per fare aumentare la suspance.

Nel film ci sarà la presenza di una figura misteriosa che provocherebbe in me non poche inquietudini. È un povero mendicante gobbo che all’improvviso, in ben tre scene differenti girate a Montepulciano, Firenze e a Roma, compare alle mie spalle. Una sorta di tormento interiore mio che si materializza all’improvviso in momenti non troppo facili da affrontare.

A interpretare il vecchio mendicante gobbo è stato Giorgio Bernieri, un uomo di 59 anni nato a Viareggio ma da anni residente a Carrara. È stato scelto lui un po’ per caso: quelli della macchina organizzativa lo hanno notato in un bar e l’han subito scritturato. Una comparsa che non proferisce parola ma che come tutti gli altri partecipanti al film, prima di girare, veniva sottoposto a circa un’ora di trucco e parrucco. Tanto è stato il lavoro dietro a questo film e chissà se sarà all’altezza delle aspettative: mi auguro proprio di sì.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti che vi lascia con una foto di me interpetato da Alberto Testone e il mendicante gobbo, ruolo interpretato da Giorgio Bernieri

film Testone mich.JPG

 

Annunci

2 Comments »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: